A maggio ancora nessuna svolta per la domanda interna: si conferma la difficoltà dei consumi di avviarsi su “un sentiero di recupero” e le misure di alleggerimento del carico fiscale non hanno ancora ridato slancio alla domanda delle famiglie. L’indicatore dei Consumi Confcommercio registra una diminuzione dello 0,7% nel confronto annuale e una flessione dello 0,3% rispetto ad aprile, mentre a luglio è previsto un ulteriore rallentamento dell’inflazione che si dovrebbe attestare sullo 0,2% su base annua.
Secondo l’Indicatore dei Consumi Confcommercio di maggio, “la diminuzione dello 0,7% su base annua e dello 0,3% mensile, unita al contenuto regresso della media mobile a tre mesi corretta dai fattori stagionali, evidenzia come le misure di alleggerimento del carico fiscale attuate fino ad oggi appaiano insufficienti a ridare slancio alla domanda delle famiglie che stenta ancora ad avviarsi su un reale sentiero di crescita; sul versante dell’occupazione sembrano emergere timidi segnali di stabilizzazione, evidenziati anche dai dati relativi alla CIG, che segnalano anche a maggio una riduzione del complesso delle ore autorizzate (-3,9%), anche se queste indicazioni non lasciano ancora intravedere un sicuro punto di svolta del mercato del lavoro”. A giugno il sentiment delle imprese, continua Confcommercio disegnando il quadro macro-economico generale, ha mostrato un miglioramento (c’è un lento recupero della produzione industriale) mentre il clima di fiducia delle famiglie a giugno ha registrato un modesto peggioramento. Nel mercato del lavoro, il tasso di disoccupazione si attesta da alcuni mesi al 12,6%.
In questo quadro, il confronto annuale dell’ICC di maggio indica una lieve crescita dello 0,7% della domanda relativa ai servizi e un calo significativo dell’1,3% della spesa per i beni. Nel dettaglio, aumenta del 7,6% la spesa reale in beni e servizi per le telecomunicazioni (soprattutto per l’acquisto di beni), e aumenta, con valori inferiori, la spesa per i beni e servizi per ricreativi (+0,6%) e per gli alberghi, pasti e consumazioni fuori casa (+0,1%). Una riduzione particolarmente significativa ha invece interessato i beni ed i servizi per la mobilità in quanto le vendite di auto e motocicli a privati hanno registrato a maggio un segno negativo. Riduzioni dei consumi si sono registrate anche per l’abbigliamento e le calzature (-1,9%), per i beni e servizi per la casa (-1,6%), per gli alimentari, bevande e tabacchi (-1,2%). In leggero calo è risultata anche la spesa per i beni e servizi per la cura della persona (-0,8%). I dati destagionalizzati mostrano a maggio un ridimensionamento dello 0,3%. Secondo Confcommercio, “in termini di media mobile a tre mesi, l’indicatore segnala un modesto regresso a conferma delle difficoltà dei consumi di avviarsi su un sentiero di recupero. Il dato di maggio riflette una flessione dello 0,5% della domanda per la componente relativa ai beni, mentre la componente relativa ai servizi non registra alcuna variazione”. In tema di inflazione, la sigla stima per luglio una variazione congiunturale nulla e un tasso di crescita su base annua dello 0,2%, in flessione rispetto allo 0,3% di giugno.
Secondo Federconsumatori e Adusbef, la contrazione dello 0,7% dei consumi segnalata da Confcommercio rappresenta “un andamento che continua a rispecchiare la profonda crisi dei bilanci e delle condizioni familiari che segnaliamo da tempo. Un impoverimento a cui neppure le misure di sostegno del Governo riescono a far fronte”. I benefici degli 80 euro in busta paga, sostengono le due associazioni, saranno ridimensionati per l’impatto della Tasi, ed è “indispensabile che il Governo risponda prontamente a tale emergenza, allargando la platea dei beneficiari di tali misure di sostegno anche ai pensionati, agli incapienti ed alla famiglie numerose”. Sostengono i due presidenti Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti: “La questione prioritaria, ormai dirimente in tema di ripresa economica, è quella del lavoro”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)