Ddl Concorrenza, via libera del Consiglio dei Ministri

Ddl Concorrenza, via libera del Consiglio dei Ministri

Dovrebbe arrivare in Consiglio dei Ministri questa settimana il ddl concorrenza. In tempo per rispettare la scadenza europea. Il provvedimento infatti, per rispettare uno dei traguardi dal Recovery plan, dovrebbe essere approvato entro la fine di luglio.

Ddl concorrenza 2021

Il testo del ddl concorrenza è in via di definizione e avrebbe tratto alcune spunti anche dalle indicazioni dell’Antitrust.

Su alcuni temi ci sarebbe già un accordo di massima, come riporta la Stampa che scrive: «il menù dovrebbe prevedere gare per la concessione delle aree demaniali portuali, misure sulle concessioni per la distribuzione del gas naturale ma anche, in materia di energia, un intervento per la liberalizzazione della vendita di energia elettrica che sia accompagnato, però, dalla tutela dei clienti vulnerabili».

La liberalizzazione dell’energia elettrica e l’abolizione del mercato tutelato sono un provvedimento slittato di anno in anno e ora fissato al 2023. Nel ddl concorrenza ci sarebbe anche un intervento che accelera l’impianto delle colonnine di ricarica delle auto green. E ci dovrebbero essere interventi in tema di smaltimento dei rifiuti e di farmaci.

Il ddl concorrenza fa parte di una serie di interventi ritenuti fondamentali per la ripartenza economica. Finora l’Italia ha approvato una sola legge, chiusa nel 2017. Ora l’impegno è quella di approvarne una ogni anno.

 

lampadina

 

Federconsumatori: ci aspettiamo una svolta in termini di sviluppo e sostenibilità

Il testo del ddl concorrenza è, come detto, in via di definizione. I primi argomenti trapelati sono accolti con favore da Federconsumatori.

« Ci aspettiamo una svolta positiva in termini di sviluppo e di sostenibilità», dice Federconsumatori, che spera di essere convocata insieme alle altre associazioni di consumatori a discutere del ddl concorrenza.

Federconsumatori si sofferma sul tema degli oneri di sistema. «Non sono ancora note le misure nel dettaglio: per quanto riguarda gli oneri di sistema, per cui da anni chiediamo una riforma generale, si ipotizza un trasferimento delle forme di finanziamento per le energie rinnovabili sulla fiscalità generale – afferma l’associazione – Necessità che condividiamo pur comprendendo l’importanza e la necessità della transizione energetica. A questo, a nostro avviso, si dovrebbe aggiungere una “ripulitura” e una revisione di tali voci, a partire dalla cancellazione di quelle più obsolete e dal ridimensionamento del sostegno alle imprese energivore ed alla rete ferroviaria».

Il Disegno di Legge affronterà anche l’abolizione del mercato tutelato, argomento annoso e oggetto di ripetuti slittamenti, ora fissato per gennaio 2023.

«Ci auguriamo che, entro tale data, vengano adottate tutte le misure necessarie a garantire la trasparenza e la correttezza in questo mercato, a partire – spiega Federconsumatori – dall’istituzione di un albo dei venditori che annoveri al suo interno solo aziende che presentino criteri di solidità economica, legalità, impegno per la sostenibilità energetica».

Altro argomento del quale si sta discutendo è lo scorporo del canone Rai dalla bolletta. Proposta che Federconsumatori apprezza: «da sempre, sosteniamo che tali voci non avrebbero mai dovuto essere unite».

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)