Potrebbero slittare le date di scadenza previste per la presentazione del modello 730 e di Unico 2014. Secondo quanto si legge online su alcuni siti specializzati, si attende uno slittamento per le date di presentazione delle dichiarazioni dei redditi, legate ad accavallamenti di scadenze fiscali che potrebbero verificarsi in questo periodo, soprattutto in considerazione della scadenza del 16 giugno per il pagamento della Tasi, ma solo per i Comuni che hanno già fissato le aliquote.
Si attende dunque in settimana un decreto del Governo che dovrebbe prevedere una nuova data di pagamento della Tasi per i Comuni che non hanno ancora deciso sulle aliquote da applicare (data che potrebbe scalare al 16 ottobre) e un nuovo termine di presentazione per i modelli fiscali relativi alle dichiarazioni dei redditi del 2013. Si legge, in particolare, sul sito www.businessonline.it: “Nel decreto del governo che dovrebbe definire ufficialmente la proroga di pagamento dell’acconto Tasi di quest’anno per tutti quei Comuni che entro il 23 maggio non sono riusciti a deliberare le proprie aliquote di pagamento, dovrebbe essere contenuta anche la decisione di un’eventuale proroga di scadenza della presentazione dei modelli Unico e 730 2014. I motivi della richiesta di tale proroga sono, come ormai di consueto, il ritardo del rilascio del software Gerico per gli studi di settore, nonché il caos che, secondo le previsioni, si creerà per Caf e professionisti che tra qualche giorno saranno alle prese tanto con i calcoli Tasi e Imu che con le dichiarazioni dei redditi”. In questo caso, la scadenza per la presentazione del 730 slitterebbe da fine maggio a luglio.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)