L’obiettivo di raggiungere il 100% di energie rinnovabili è possibile. Nel 2050 in Italia si potrebbe arrivare a uno scenario tutto rinnovabili – in sigla WWS, ovvero wind, water e sunlight. L’energia che viene dal vento, dall’acqua e dal sole avrebbe un impatto decisamente positivo in termini di salute e risparmio: l’Italia potrebbe evitare da qui al 2050 oltre 46 mila morti premature l’anno legate all’inquinamento, vedrebbe quasi mezzo milione di nuovi posti di lavoro e un risparmio complessivo stimato in oltre 7 mila dollari l’anno a persona.

I dati, che sono stati rilanciati dall’Anev – Associazione nazionale energia del vento, vengono da uno studio condotto da da 27 ricercatori delle Università di Stanford, Berkeley, Berlino e Aarhus pubblicato nell’ultimo numero della rivista scientifica “Joule”. Raggiungere l’obiettivo 100% Rinnovabili al 2050 nel nostro Paese è possibile, evidenzia la ricerca.

Lo studio analizza la possibile evoluzione del sistema energetico di 139 Paesi sulla base della domanda dei settori trasporti, riscaldamento/raffrescamento, industria, agricoltura, foreste e pesca, giungendo alla conclusione che lo scenario tutto rinnovabili “Wws” (“wind, water and sunlight”) è raggiungibile all’80% già nel 2030 e al 100% nel 2050. Rispetto allo scenario “business-as-usual””(Bau), sottolinea lo studio, il Wws permette una riduzione della domanda energetica del 42,5% grazie al maggior tasso di elettrificazione alle attività di estrazione, trasporto e raffinazione evitate e alla più alta efficienza negli usi finali, con benefici di costi, dell’occupazione e della salute. Lo scenario Wws permetterebbe di creare 24,3 milioni di posti di lavoro permanenti aggiuntivi e di evitare la morte prematura di 3,5 milioni di persone all’anno al 2050. In termini economici si avrebbe un risparmio sui costi dell’inquinamento di 22.800 miliardi $/anno e climatici di 28.500 mld $/anno.

Con uno scenario 100% rinnovabili, l’Italia potrebbe evitare da qui al 2050 fino a 46.543 morti premature all’anno per inquinamento (scenario medio 20.577 decessi evitati) e creare 485.857 nuovi posti di lavoro (al netto dei 164.419 persi nel settore dei fossili). Il costo dell’energia, poi, scenderebbe. Nel nostro paese questo costo – pari a 9,68 cent $/kWh nel 2013 –  si attesterebbe nel 2050 a 10,80 cent $/kWh nel Bau e a 7,66 cent $/kWh nel Wws. Lo scenario 100% rinnovabili, stima lo studio, permetterebbe un risparmio procapite di 382 dollari l’anno, che sale a 7733 dollari l’anno se si considerano anche i  minori costi climatici e sanitari legati all’inquinamento.

Di fronte a questi dati, l’Anev ribadisce “l’importanza strategica del settore eolico e di quello delle rinnovabili per il nostro Paese e invita i pubblici decisori a non trascurare la rilevanza di questi dati. Le Energie Rinnovabili sono convenienti e apportano benefici tangibili all’ambiente, all’economia, alla salute dei cittadini”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)