Scuole finite, per bambini e ragazzi è tempo di vacanza e di svago. Ma sono sempre tanti gli studenti che decidono di impiegare una parte della pausa estiva dai libri di scuola per approfondire e migliorare la conoscenza di una lingua straniera. Ma cosa succede se improvvisamente un giovane non può partire per una malattia imprevista?
Recentemente il Giudice di Pace di Verona ha stabilito ciò dà diritto a risolvere il contratto di viaggio e avere restituita la somma pagata.
La controversia citata riguarda un ragazzo che non ha potuto partecipare a un viaggio studio a Londra per un’improvvisa malattia, peraltro diagnosticata e documentata dall’ospedale. I genitori del ragazzo avevano chiesto di recedere dal viaggio, ma l’organizzazione aveva negato la restituzione dell’importo pagato, applicando una penale del 100%. Data la situazione, la famiglia si era rivolta all’associazione di consumatori Adiconsum e che tramite i suoi avvocati, dopo un tentativo stragiudiziale, ha provveduto a intraprendere un’azione civile presso il Giudice di Pace di Verona, il quale ha riconosciuto il diritto del viaggiatore alla risoluzione del contratto e alla restituzione della somma pagata, come richiesto, per impossibilità di usufruire della prestazione contrattuale.
“Nei cosiddetti pacchetti turistici o pacchetti viaggio come per le vacanze studio, evidenzia Silvia Caucchioli, avvocato di Adiconsum Verona, “il viaggiatore ha diritto a risolvere il contratto, con restituzione delle somme anticipate, nel caso di impossibilità ad utilizzare la prestazione. Purtroppo, a volte succede, come nella causa vinta dal nostro assistito, che se il viaggiatore non ha stipulato apposita assicurazione, il tour operator applica una penale al viaggio del 100% (ovvero trattiene l’intero costo pagato e non intende restituire alcunché).
“Tuttavia, esiste un principio sancito dall’art. 1463 Codice Civile e dalla Corte di Cassazione (Cass. Civ. Sez. III 24/07/2007, n. 16315) in base a cui l’impossibilità di utilizzare la prestazione (ovvero il viaggio) per impossibilità sopravvenuta (es. grave malattia documentata) è causa di estinzione dell’obbligazione (ovvero il pagamento del viaggiatore). Quindi il tour operator deve restituire tutto il prezzo pagato perché il contratto si è risolto per causa non imputabile al viaggiatore ma ad un fatto sopravvenuto ed imprevedibile che rende impossibile utilizzare la vacanza che ha normalmente uno scopo di svago, piacere”


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)