Fine tutela nel mercato energia, oggi il primo tavolo Arera-Consumatori (Foto Pixabay)

Autorità per l’energia e consumatori si confrontano sulla complessa questione dei cambiamenti che interessano il mercato dell’energia, con la fine tutela e i passaggi al mercato libero del gas e, a luglio, dell’energia elettrica.

Oggi si è svolto infatti il primo incontro del Tavolo consumatori fine tutela, istituito dall’Arera per creare “una sede di confronto e di ascolto continuo con i rappresentanti delle Associazioni dei consumatori sui temi legati al processo di rimozione delle tutele di prezzo per energia elettrica e gas per i clienti domestici”, come spiega l’Autorità.

Ci saranno incontri periodici con le associazioni – 12 le associazioni presenti oggi al tavolo.

Fine tutela, focus sulla comunicazione ai consumatori

Si parte oggi, dunque, con il richiamo ai diversi passaggi che hanno portato alla fine della tutela – a gennaio per il mercato del gas, dal prossimo luglio per quello dell’energia elettrica.

Al centro dell’incontro di oggi, la corretta comunicazione ai consumatori e le azioni avviate dall’Autorità anche in vista dell’attivazione del Servizio a Tutele Graduali per i clienti dell’elettricità. Il Servizio a tutele graduali è predisposto da Arera per accompagnare il passaggio al mercato libero dell’energia elettrica dopo la fine del mercato tutelato. Viene erogato da venditori selezionati attraverso specifiche procedure concorsuali. Ogni area territoriale è servita da un solo fornitore, il quale può anche servire più aree contemporaneamente. Riguarderà tutti i clienti domestici non vulnerabili che a luglio 2024 non avranno un fornitore di energia elettrica sul mercato libero.

L’Autorità ha definito comunicazioni individuali in bolletta, affiancate da una più ampia comunicazione istituzionale complementare a quella che, secondo la norma, andrà a sviluppare il Governo. La comunicazione è stata fatta attraverso stampa, radio e tv, sito web istituzionale e social media. Ci sono poi lo “Sportello per il consumatore” e “Il Portale Offerte”.

Durante questo primo incontro l’Arera ha inoltre illustrato le iniziative per garantire l’accessibilità al servizio di Maggior Tutela dell’elettricità finché sarà attivo, ricordando che i clienti domestici non vulnerabili hanno diritto a essere forniti nel servizio di maggior tutela fino al 30 giugno 2024, mentre i clienti vulnerabili anche dopo tale data.

“L’Autorità – informa una nota – svolgerà un attento monitoraggio sulle procedure di trasferimento dei clienti finali al nuovo Servizio Tutele Graduali per l’elettricità ed è in corso un’attività di verifica e allineamento delle informazioni anagrafiche, per consentire agli esercenti aggiudicatari di instaurare il nuovo rapporto contrattuale in modo corretto”. Saranno inoltre sviluppati nuovi indicatori per monitorare i prezzi applicati ai clienti.

UNC: “Arera ha condiviso le nostre preoccupazioni”

Incontro molto proficuo, ha commentato l’Unione Nazionale Consumatori

«L’Authority ha condiviso le nostre preoccupazioni, frutto delle tantissime segnalazioni ricevute ai nostri sportelli e ha accolto molte delle nostre istanze, a cominciare dalla necessità di fornire ai consumatori tutte le informazioni e gli strumenti per poter effettuare scelte libere e consapevoli – ha detto Marco Vignola, responsabile del settore energia dell’Unione Nazionale Consumatori, presente alla riunione – In questa fase transitoria è fondamentale garantire il rientro nel Servizio di maggior tutela fino al 30 giugno 2024, senza ostacolare in alcun modo il consumatore che dal mercato libero desidera uscirne. Stesso discorso per i clienti vulnerabili, anche se per loro al momento non vi è una scadenza temporale per inoltrare la richiesta».


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)