Promuovono sul web, spesso senza alcuna qualifica, attività di consulenza legale e finanziaria gratuita “millantando” di poter risolvere con facilità le posizioni debitorie dei clienti, attraverso l’ottenimento dai creditori di “sconti” o “saldi e stralci”. Sono i cosiddetti “cacciatori di debiti”, una vera piaga per gli indebitati e le loro famiglie. Otto società di questo tipo sono state denunciate all’Antitrust dal Movimento Difesa del Cittadino. “Purtroppo”, dicono dall’associazione, “gran parte di questi annunci pubblicati in rete e sui social network sono specchietti per le allodole che causano esborsi inutili e possono portare addirittura ad un aggravamento della propria situazione finanziaria, alimentando anche il ricorso all’usura”.

I consumatori in difficoltà hanno già uno strumento importante a loro disposizione che è rappresentato dal Piano del Consumatore previsto dalla Legge n. 3/12. Una procedura trasparente e legale, che può permettere di salvarsi dall’indebitamento con la garanzia di un provvedimento emesso dal Giudice del Tribunale di residenza.

Come associazione”, dichiara il presidente MDC, Francesco Luongo, “stiamo promuovendo da anni gli strumenti di questa norma ancora poco conosciuta, organizzando seminari e convegni in collaborazione con i Tribunali e gli Ordini professionali interessati”. Luongo sottolinea quanto sia “ingannevole, oltre che rischioso, promettere a chi è in difficoltà economica una salvezza generalizzata, sia rispetto ai debiti verso privati o finanziarie sia verso il Fisco, dove gli spazi di negoziazione e rateizzazione sono strettamente limitati e circoscritti da specifiche norme di legge come la recente rottamazione delle cartelle di Equitalia prevista del Governo”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)