L’amico peloso a quattro zampe non è solo un cane o un gatto che gironzola in giardino o bivacca sul divano in attesa del nostro rientro dal lavoro. È parte della famiglia a tutti gli effetti, con la sua sensibilità acclarata quando si tratta di mettere il muso nel piatto (letteralmente) in cui mangiamo ma anche quando reclama le coccole mentre abbiamo mille cose da fare. Che poi, il più delle volte, delle coccole abbiamo bisogno più noi umani che loro, componenti a quattro zampe delle famiglie. Non è dunque un caso se sempre più italiani partono in vacanza col loro pet.

A metterlo nero su bianco è una ricerca della Doxa, che evidenzia come il 42% delle famiglie che ha un animale domestico andrà in vacanza col proprio cane o gatto. Molti hanno scelto la destinazione proprio in base alle esigenze del pet, soprattutto quando si tratta di scegliere alloggio e destinazione. Chi li lascia a casa, li affida in gran parte alle cure di parenti o amici (oltre 7 su dieci). L’indagine “Pet in vacanza” è stata fatta da Doxa in vista delle ferie estive. Il quadro che emerge, dice l’istituto di ricerca, “è quello di un’Italia in cui gli animali domestici sono a tutti gli effetti membri del nucleo familiare. Di più: è anche, e forse soprattutto, in base alle loro esigenze che si sceglie quale tipo di vacanza fare, quando farla e in quali strutture alloggiare”.

Quali i numeri? “Il 42% delle famiglie interpellate farà uno o più periodi di vacanza nell’arco dell’estate 2018 portando con sé il proprio animale domestico – evidenzia la Doxa – Mentre il 5% del campione dichiara che non andrà via di casa proprio a causa del pet. Preferisce rinunciare insomma piuttosto che incorrere in eventuali inconvenienti lato ospitalità o altro. Il 36% andrà in vacanza senza cane e/o gatto e infine il 17% non farà vacanze per motivi indipendenti dal possesso di un animale domestico”. Nell’80% dei casi la presenza di un animale domestico influisce sull’organizzazione della vacanza, soprattutto sulla scelta dell’alloggio (57%) e della destinazione (31%), ma anche sull’organizzazione familiare (24%) e sul periodo prescelto (11%). Il 21% delle famiglie, dice la Doxa, si organizza con vacanze separate in modo che almeno un componente possa rimanere a casa col pet. Chi va in vacanza, ma non porta con sé il proprio animale domestico, nella stragrande maggioranza dei casi (76%) lo affida a parenti o amici, sia lasciandolo a casa propria (49%) sia portandolo a casa altrui (27%). Le pensioni per animali sono scelte solo dal 9% del totale campione.

 

Prima pubblicazione 30/07/2018 ore 16.05

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)