Servizi marittimi ancora sotto accusa. A finire sotto la lente dell’Adoc una compagnia di navigazione che copre le rotte con la Sardegna. Oggetto della segnalazione, giunta sul tavolo dell’Ordine dei Medici, della Compagnia e del Ministero dei Trasporti, la mancanza di assistenza sanitaria. Mentre era a bordo, infatti, un passeggero, invalido civile, si è sentito male. Il servizio medico di emergenza, presente a bordo, viene avvisato dell’emergenza ma poi stacca la comunicazione.“Non abbiamo ricevuto alcuna assistenza. Fortunatamente non è accaduto nulla. Ma avrebbe potuto essere un guaio”,  ha raccontato Susanna Schimperna, giornalista e scrittrice, che viaggiava in compagnia della persona che necessitava di cure. In quell’occasione tutto si concluse nel migliore dei modi perchè l’equipaggio della nave si mise a disposizione sia durante che dopo l’emergenza ma – fa notare Carlo Pileri, presidente Adoc – “riteniamo che sulla flotta marittima civile si debba cominciare un discorso di attenzione e per questo chiediamo un incontro con le associazioni di rappresentanza dei traghetti. Non possiamo lasciare che muoia un settore strategico per disattenzione. Oltretutto a pagare sono i consumatori che tuteleremo in ogni sede.”
 


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)