OSSERVATORIO. Domanda di mutui in calo: a luglio -14%

Ricorrere ad un mutuo è indispensabile quando si sceglie di effettuare un grosso investimento come ad esempio l’acquisto di un’abitazione. In questi casi, al fine di individuare un’offerta vantaggiosa possiamo porre i mutui più convenienti del momento a confronto avendo cura di effettuare una scelta quanto più possibile consapevole e mirata.

 

Attualmente, complice l’incerta situazione economica, le famiglie italiane sono ancora prudenti quando si tratta di investimenti: da marzo si registra una tendenza in calo per la richiesta di mutui, che in luglio ha segnato -14% rispetto al 2010, come emerge dall’analisi del patrimonio informativo di EURISC, il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF. Il dato di luglio (ponderato sui giorni lavorativi) è comunque più positivo rispetto al -17% registrato in giugno.

 

Confrontando le richieste di mutuo effettuate dall’inizio di luglio con quelle degli anni precedenti, le variazioni oscillano: dal -9% rispetto al 2010, -12% con il 2009, -8% con il 2008 e -10% rispetto al 2007.

 

Per quanto riguarda le classi di durata, dal 2010 si assiste ad una dinamica di spostamento della domanda verso le classi superiori ai 20 anni. La durata che registra il maggior incremento si conferma quella compresa tra i 25 e i 30 anni (+ 1,6%) che risulta essere anche quella maggiormente richiesta dalle famiglie italiane, con una quota pari quasi al 31% del totale. Prendendo in considerazione gli importi più richiesti, cresce la classe fino a 100 mila euro: a luglio 2011 l’importo medio dei finanziamenti è stato pari a 138 mila euro, in linea con il mese precedente.

I soggetti che più spesso fanno richiesta di mutuo hanno un’età compresa tra i 35 e i 44 anni (35% del totale); la classe che registra l’aumento maggiore, invece, è quella dei clienti dai 45 ai 54 anni, che cresce di 0,7 punti percentuali arrivando così ad una quota pari a oltre il 20% del totale.

 

Con l’aiuto del servizio del portale SuperMoney, è possibile valutare quali sono i mutui più convenienti confrontando le offerte di 40 banche. Proviamo a richiedere un mutuo di 140 mila euro (valore immobile 200 mila euro) con durata 25 anni, da parte di un lavoratore a tempo indeterminato di 40 anni: la soluzione più vantaggiosa è mutuo arancio di ING Direct. Scegliendo il tasso variabile il taeg è del 2,90% e la rata ammonta a 652 euro al mese; optando per il tasso fisso il taeg è pari al 4,93% e la rata a 802 euro mensili.

 

‘La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito Supermoney.eu’

Comments are closed.