OSSERVATORIO. Minimo rischio, massimo guadagno: grazie al conto deposito

Pochi rischi e tante rendite: è ciò che cerca la maggior parte dei risparmiatori italiani. Lo strumento ideale per ottenere questo risultato è il conto deposito: un conto ad elevato rendimento e basso rischio, perfetto per chi voglia investire il proprio patrimonio in tutta sicurezza. I conti deposito (o conti liquidità) possono essere vincolati o liberi: nel primo caso, la somma depositata resta “bloccata” sul conto per il tempo stabilito dal vincolo (da 1 a 36 mesi), che permette però di maturare un rendimento più alto. I conti vincolati sono una buona opzione se si è certi di non aver bisogno del denaro depositato prima della scadenza del termine: in caso di prelievo anticipato, infatti, le banche possono applicare una penale o non pagare gli interessi maturati. Per capire quale banca offre il servizio più conveniente, è consigliabile mettere i migliori conti deposito a confronto in modo da scegliere effettivamente il prodotto più vantaggioso.

Oltre ai fattori che abbiamo appena descritto, ce n’è un altro da prendere in considerazione: oggi abbiamo a disposizione una risorsa di inestimabile valore, ovvero il web. Qualche giorno fa parlavamo del fatto che la scelta migliore per i giovani sono i conti online, perché sanno quali sono i numerosi vantaggi e soprattutto la comodità di poter sfruttare il web per qualsiasi attività si voglia svolgere, dalle transazioni di denaro all’acquisto di libri, abbigliamento eccetera.

Con il conto deposito libero questo problema non esiste: questa opzione permette infatti di disporre in qualunque momento della somma depositata, ottenendo però un rendimento inferiore rispetto ad un conto vincolato.

Vediamo ora quali sono i conti deposito – vincolati e non – più vantaggiosi attualmente presenti sul mercato italiano. Con Supermoney, il portale per il confronto dei conti deposito e delle tariffe, proviamo a richiedere un conto deposito libero per una somma di 5 mila euro. Al primo posto troviamo il conto Deposito di PrivatBank, che remunera l’investimento ad un tasso netto effettivo dell’1,46%, il che significa un “guadagno netto” di 73 euro annuali (interessi netti) a fronte di zero spese di apertura, chiusura e mantenimento del conto. Al numero due per rendimento c’è Contoconto.it di Carige, che offre un tasso effettivo netto dell’1,10% e 55 euro annuali di interessi netti (prevede un tasso promozionale netto per 6 mesi, pari all’1,46%); a pari merito si piazza anche Conto su IBL di IBL Banca, che offre anche’esso interessi netti annuali per 55 euro e un tasso effettivo netto dell’1,10%.

Effettuiamo ora un confronto su un conto deposito vincolato per un massimo di 12 mesi per un importo di 20mila euro. Il più remunerativo in questo caso è il conto Eurodeposit di PrivatBank che con vincolo a 12 mesi offre un tasso netto effettivo del 2,56% e interessi netti annuali pari a 511 euro. È possibile estinguere anticipatamente il vincolo e in caso di estinzione anticipata vengono sempre riconosciuti gli interessi fino alla data di rescissione del contratto. Al secondo posto si piazza sempre PrivatBank con EuroDeposit vincolato a 6 mesi che prevede interessi netti annuali pari a 438 euro e un tasso effettivo netto del 2,19% (anche in questo caso è possibile estinguere anticipatamente il vincolo con il riconoscimento degli interessi fino alla data di rescissione). Il terzo posto spetta a Conto su IBL di IBL Banca vincolato a 12 mesi con interessi netti annuali pari a 438 euro e un tasso netto effettivo pari al 2,19%.

Come si evince da questi dati, i conti deposito vincolati offrono guadagni superiori a quelli liberi: è bene tuttavia accertarsi di poter tenere la somma dell’investimento “bloccata” per tutta la durata del vincolo.

La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il link di riferimento alla fonte Help Consumatori e il link al sito Supermoney.eu’

Comments are closed.