1. Skip to navigation
  2. Skip to content
  3. Skip to sidebar



Posts Tagged ‘privacy’

Marketing, Garante Privacy: stop al pop up con il consenso incorporato

giovedì, 21 giugno, 2018

Il Garante ha vietato a una società che offre servizi di comparazione sul proprio sito web (mutui, assicurazioni, luce, gas, telefonia) il trattamento, per finalità di marketing e di vendita ad altre aziende, dei dati raccolti attraverso un pop up senza il necessario consenso degli utenti. (altro…)



Privacy, Garante sanziona Tim. L’azienda replica: rafforzati sistemi di gestione

mercoledì, 30 maggio, 2018

Il Garante privacy ha ordinato a Tim il pagamento di due sanzioni amministrative pari a un importo complessivo di 960mila euro per violazioni alla normativa sulla protezione dei dati personali. La prima sanzione, di 800mila euro, conclude l’iter avviato dal reclamo di un ignaro utente che si è ritrovato intestatario di 826 linee di telefonia fissa e, “moroso” a sua insaputa, si è accorto del problema quando ha iniziato a ricevere dei solleciti di recupero crediti di mancati pagamenti di bollette telefoniche. (altro…)



Privacy, Garante a Fastweb: stop al telemarketing selvaggio e profilazione utenti

martedì, 29 maggio, 2018

Fastweb dovrà rafforzare il controllo sulla propria rete vendita e dovrà interrompere le telefonate promozionali verso utenti che non hanno espresso il loro consenso o si sono opposti al trattamento dei loro dati per finalità di marketing. Questa la decisione presa dall’Autorità Garante per la protezione dei dati personali al termine di una serie di ispezioni avviate per verificare le molteplici segnalazioni di persone che lamentavano di essere state disturbate da call center che proponevano offerte commerciali indesiderate nell’interesse della società. (altro…)



TopNews. Privacy, dal 25 maggio il nuovo Regolamento europeo: ecco tutti i diritti

sabato, 26 maggio, 2018

Trasparenza nell’uso dei dati personali. Diritto di accesso. Diritto all’oblio e alla portabilità dei dati. Sono alcuni dei diritti che vengono stabiliti e regolamentati dalle nuove norme europee sulla privacy. Diventa infatti pienamente operativo il 25 maggio il nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR (General Data Protection Regulation). Molte le novità del Regolamento (2016/679), che sistema e riordina i precedenti provvedimenti sulla privacy. (altro…)



GDPR: da oggi si applica il nuovo regolamento Ue sulla privacy

venerdì, 25 maggio, 2018

Anche se la sigla non vi dirà nulla, sicuramente vi siete imbattuti nelle prime conseguenze del GDPR. Da giorni state ricevendo email che vi chiedono di rinnovare il consenso all’iscrizione a una newsletter di cui non avete memoria, avvisi che dicono che non dovete fare nulla se volete continuare a ricevere quegli stessi avvisi, comunicazioni in inglese che cercano di catturare la vostra attenzione con fare talvolta ironico. (altro…)



GDPR, Confesercenti: per le PMI una stangata da almeno 2 mld di euro

giovedì, 24 maggio, 2018

Per le piccole e medie imprese il nuovo Regolamento europeo sulla privacy, pienamento operativo da domani, sarà una “stangata” da almeno 2 miliardi di euro. A dirlo è Confesercenti, che contesta l’applicazione del GDPR (General Data Protection Regulation) alle imprese. (altro…)



GDPR, Microsoft: “Rispetteremo privacy di tutti i consumatori ovunque nel mondo”

giovedì, 24 maggio, 2018

Rispettare il diritto alla privacy di tutti gli utenti e consumatori, ovunque si trovino nel mondo. Questa la promessa e l’impegno che arriva da Microsoft in vista del nuovo Regolamento europeo sulla protezione dei dati personali, il GDPR, che diventerà pienamente operativo da domani. L’azienda si è impegnata a garantire ai cittadini di tutto il mondo gli stessi diritti alla protezione dei dati e alla privacy riconosciuti ai cittadini europei, perché “riteniamo che la privacy sia un diritto umano fondamentale”. (altro…)



GDPR, Garante Infanzia: “Non abbassare sotto 16 anni età minima consenso”

mercoledì, 23 maggio, 2018

Non abbassare sotto i 16 anni l’età minima per dare il consenso al trattamento dei dati online. E prevedere iniziative di educazione alla “consapevolezza digitale” da parte dei minori chiamati a dare un consenso digitale e impegnati nell’uso delle tecnologie dell’informazione, di social network, app e servizi online, Questa la richiesta che l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza (Agia) ha inviato al Parlamento in vista dell’entrata in vigore del nuovo Regolamento europeo sulla privacy (GDPR) il prossimo 25 maggio. (altro…)



TopNews. Digital single market e privacy, Ue: si apra la strada a opportunità digitali

sabato, 19 maggio, 2018

A dieci giorni dall’entrata in applicazione delle nuove norme europee sulla privacy, la Commissione europea dà una serie di indicazioni ai leader Ue perché il mercato unico digitale sia completato a vantaggio di tutti. Con una comunicazione, presentata ieri, la Commissione ha indicato “una serie di azioni concrete che i leader europei possono intraprendere per proteggere la privacy dei cittadini e realizzare il mercato unico digitale dell’UE entro il 2018”. Molte cose sono state fatte, altre sono in fieri. (altro…)



Adolescenti: Facebook apre portale informativo dedicato su privacy e sicurezza

martedì, 15 maggio, 2018

Continuano le novità di Facebook che nelle ultime settimane sta provando a tutelare ed informare il più possibile i suoi utenti. L’ultima trovata è rivolta al target forse più “spregiudicato” di iscritti alla piattaforma: gli adolescenti ai quali il social ha dedicato un intero portale informativo. (altro…)



Garante Privacy: stop a Comune di Messina, no a nomi di invalidi e indigenti online

venerdì, 27 aprile, 2018

No ai nomi di invalidi e indigenti diffusi online, con dati e informazioni personali in chiaro che riportano situazione economica e invalidità dei cittadini. Era tutto online sul sito del Comune di Messina ed erano graduatorie per esenzioni sulla tassa rifiuti. Il Garante privacy ha dunque vietato al comune di Messina “l’ulteriore diffusione sul sito web istituzionale delle graduatorie di persone invalide o in stato di disagio e  che hanno usufruito di esenzioni o riduzioni della tassa sui rifiuti 2015”. (altro…)



Hai meno di 16 anni? Niente Whatsapp. Cosa sta succedendo e perché

giovedì, 26 aprile, 2018

Lo scandalo Datagate che ha messo nei pasticci Facebook e i suo CEO Marck Zuckerberg ci ha fatto aprire gli occhi su un particolare non da poco: tutte, ma proprio tutte, le applicazioni che scarichiamo sul nostro telefono “gratis”, in realtà non lo sono. E sì, perché sebbene non ci venga addebitato nessun pagamento, stiamo cedendo agli sviluppatori dell’applicazione una serie di informazioni personali che nella maggior parte dei casi verranno cedute a soggetti terzi per poi essere sfruttate con finalità di marketing. (altro…)



TopNews. Facebook ci “mette una pezza”: stretta su privacy e dati personali

sabato, 21 aprile, 2018

Facebook l’ha fatta grossa. Dopo la settimana horribilis vissuta da Mark Zuckerberg durante la quale ha dovuto rendere conto di “questo e quello” davanti al Congresso Usa per lo scandalo Datagate, ora è il momento di correre ai ripari, almeno per ciò che è possibile fare nell’immediato. Sì, perché per risolvere tutti i problemi (quelli grossi) di Facebook sulla protezione dei dati personali dei suoi utenti occorreranno anni, come lo stesso CEO ha ammesso. (altro…)



Baraonda Datagate: sintesi (momentanea) dello scandalo dell’anno

sabato, 14 aprile, 2018

È sabato: la settimana più lunga e dura per Mark Zuckerberg si è finalmente conclusa. Ha chiesto scusa a destra e sinistra, almeno sei volte in tutto; si è presentato al Senato e alla Camera; ha risposto a domande; ha dovuto improvvisare soluzioni a cui non aveva mai neppure lontanamente pensato; ha prestato il fianco agli attacchi degli attivisti e alla curiosità dei giornalisti di mezzo (forse tutto) il mondo e alla fine è riuscito a cadere quasi in piedi. (altro…)



Incontro Facebook- Altroconsumo: dagli utenti tre richieste concrete

mercoledì, 11 aprile, 2018

“Incontro costruttivo: Facebook risponderà entro due settimane”. È la sintesi dell’incontro che si svolto questa mattina a Bruxelles tra la Direzione delle organizzazioni di consumatori Altroconsumo, Test-Achats, OCU, DecoProteste e Proteste Brasil e i rappresentanti di Facebook. Sulla vicenda Cambridge Analytica e l’utilizzo improprio dei dati, fanno sapere le organizzazioni, c’è stato uno scambio di opinioni aperto. Facebook ha mostrato attenzione per i diritti degli utenti e il rispetto del ruolo delle Organizzazioni di consumatori. (altro…)



Datagate, Facebook si scusa: ho sbagliato a fidarmi. Italia chiede danni

mercoledì, 11 aprile, 2018

“Mi dispiace. È stato chiaramente un errore”. Quasi come un bambino che si giustifica per aver fatto una marachella, Mark Zuckerberg ha espresso tutto il suo rammarico per essersi fidato sulla parola di Cambrige Analytica, la società che aveva promesso di non usare i dati degli iscritti al social network più popolare del mondo per finalità improprie. Una leggerezza di valutazione, se così vogliamo definirla, che sta costando molto cara al CEO di Facebook. (altro…)



Un algoritmo non ci salverà. Garanti Privacy Ue: più trasparenza nella profilazione

giovedì, 29 marzo, 2018

Più trasparenza nella profilazione e nelle decisioni automatizzate. Perché se una decisione dipende da un algoritmo, c’è il rischio di finire intrappolati negli stereotipi e nella discriminazione: è necessario un intervento umano nella valutazione e la garanzia di potersi opporre alla decisione. Dai Garanti europei della privacy arrivano una serie di linee guida che chiedono trasparenza nelle attività di profilazione e nei processi decisionali automatizzati, usati sempre più spesso in settori pubblici e privati, dalle banche alla sanità, dal marketing alla pubblicità. (altro…)



Facebook: aperto fascicolo su Datagate. Associazioni: poco chiaro utilizzo dati

lunedì, 26 marzo, 2018

Quel pasticciaccio brutto di Facebook-Cambrige Analytica continua a provocare ripercussioni ad ogni latitudine del globo terrestre e, mentre la società di Mark Zuckerberg precipita in Borsa e i suoi inserzionisti di punta se la danno a gambe, le associazioni di consumatori e utenti si danno un gran da fare per cercare di tutelare gli interessi degli iscritti alla piattaforma minacciando azioni di ogni tipo. (altro…)



Cambridge Analytica e Facebook, l’allarme dei Garanti Privacy

mercoledì, 21 marzo, 2018

Le rivelazioni sul caso Facebook-Cambridge Analytica potrebbero essere solo “la punta dell’iceberg” di una questione molto più ampia che riguarda la privacy dei dati. L’allarme viene dal Garante europeo per la protezione dei dati personali Giovanni Buttarelli. La preoccupazione per la profilazione a fini politico-elettorali e senza consenso degli utenti Facebook attraversa Autorità europee e italiane. (altro…)



Facebook, Codacons si dichiara pronto alla class action

mercoledì, 21 marzo, 2018

Il Codacons si dichiara pronto alla class action contro Facebook in caso di violazione alla privacy degli utenti italiani. “Se lo scandalo “Datagate” che sta investendo Facebook coinvolgerà anche gli utenti italiani, scatterà una class action promossa dal Codacons contro la società di Mark Zuckerberg”: questo quanto dichiara oggi l’associazione dopo la richiesta di chiarimenti avanzata dall’Agcom circa l’impiego dei dati per finalità di comunicazione politica da parte di soggetti terzi. (altro…)



Garante Privacy: telemarketing, dati sanitari e Spid nel nuovo piano ispezioni

mercoledì, 28 febbraio, 2018

Telemarketing, dati sanitari a fini di ricerca, rilascio dell’identità digitale ai cittadini italiani rientreranno nel piano ispettivo della prima metà 2018 del Garante per la Privacy. Nel frattempo, il bilancio dell’attività svolta nel  2017 evidenzia un aumento del 307% dei procedimenti sanzionatori, con oltre 13 milioni di euro di sanzioni applicate, mentre sono diminuite le segnalazioni all’autorità giudiziaria. Nelle scorse settimane il Garante per la protezione dei dati personali ha approvato il piano ispettivo per il primo semestre 2018. (altro…)



Smart toys, dal Garante una campagna per giocattoli a prova di privacy

sabato, 27 gennaio, 2018

Sanno parlare e interagire con le persone e con l’ambiente circostante. Sono in grado di registrare suoni, scattare foto, girare video. Hanno un corredo tecnologico impressionante: microfoni, sensori, fotocamere, sistemi di geolocalizzazione. E si collegano a Internet. Gli smart toys, o giocattoli intelligenti, sono dispositivi tecnologici sofisticati che possono pure far felici i bambini e avere funzioni educative ma sono in grado di raccogliere, elaborare e comunicare informazioni, preferenze e abitudini dei minori e di tutta la famiglia. (altro…)