euro

Balzo avanti dell'inflazione, a gennaio più 4,8%

L’inflazione a gennaio fa un balzo in avanti e aumenta del 4,8% su base annua, un valore che non si vedeva dal lontano 1996. Secondo le stime preliminari diffuse oggi dall’Istat, a gennaio 2022 l’inflazione aumenta dell’1,6% su base mensile e del 4,8% su base annua (dal +3,9% del mese precedente).

Rincara il carrello della spesa, aumentano i prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona, che volano al più 3,2% rispetto al più 2,4% precedente.

Per le associazioni dei Consumatori è un massacro per le famiglie e una Caporetto sul fronte dei consumi. Le ripercussioni sono già stimate fra il 1400 e il 1700 euro in più a famiglia.

 

istat inflazione
Istat, prezzi al consumo, stime gennaio 2022

 

Inflazione a più 4,8% a gennaio 2022, rincara il carrello della spesa

Secondo i dati provvisori di gennaio resi noti oggi dall’Istat, l’inflazione sale su base annua dal +3,9% di dicembre al +4,8%.

Il balzo dell’inflazione nel confronto annuo, spiega l’Istat, è dovuto prevalentemente ai prezzi dei Beni energetici (la cui crescita passa da +29,1% di dicembre a +38,6%), in particolare a quelli della componente regolamentata (da +41,9% a +93,5%), e in misura minore ai prezzi dei Beni energetici non regolamentati (da +22,0% a +23,1%), dei Beni alimentari, sia lavorati (da +2,0% a +2,4%) sia non lavorati (da +3,6% a +5,4%) e a quelli dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (da +2,3% a +3,5%). Rallentano invece i prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (da +3,6% a +1,4%).

L’inflazione acquisita per il 2022 è pari a +3,4% per l’indice generale e a +1,0% per la componente di fondo.

Aumenta il carrello della spesa. Rincarano ancora sia i prezzi dei Beni alimentari, per la cura della casa e della persona, che da +2,4% di dicembre balzano a +3,2% di gennaio 2022, sia quelli dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto che salgono ancora da +4,0% a +4,3%.

Se poi si guarda ai diversi settori, particolarmente alto è il peso di abitazione, acqua, elettricità e combustibili, settori in cui i prezzi balzano in alto di oltre il 22,6%, un dato molto più elevato rispetto all’inflazione media pur alta a più 4,8%. Sopra la media anche la voce relativa ai trasporti, a più 7,7%. Ed è alto il peso dei rincari su prodotti alimentari e bevande analcoliche a più 3,8% su base annua. Le uniche voci in calo sono comunicazione e, molto meno, istruzione.

 

unc grafico inflazione
Unione Nazionale Consumatori, tabella sui rincari annui su base inflazione gennaio 2022

 

Codacons: un massacro per le tasche delle famiglie

È un’inflazione alta, non si vedeva così da 26 anni, e peserà per migliaia di euro sulle famiglie. A fare i conti sono le associazioni dei consumatori. Per il Codacons l’inflazione al +4,8% si traduce in un maggior esborso, considerata la totalità dei consumi di una famiglia, pari a 1474 euro l’anno a famiglia.

«Un livello di inflazione così elevato rappresenta un massacro per le tasche degli italiani – dice il presidente Carlo Rienzi – Il caro-energia traina la crescita dei prezzi al dettaglio e investe anche beni primari come gli alimentari, che balzano a gennaio al +3,8%. Una situazione pericolosissima perché una inflazione così alta ha effetti diretti sui consumi delle famiglie, che reagiranno al forte aumento dei prezzi riducendo la spesa».

 

UNC: una Caporetto

Una Caporetto per le tasche delle famiglie, commenta l’Unione Nazionale Consumatori. Il rialzo dell’inflazione dal 3,9% di dicembre al 4,8% di gennaio è “stratosferico”.

Il rincaro annuo sfiora i 1400 euro per la famiglia media, supera i 1700 euro l’anno per una coppia con due figli e i 1600 euro annui per una coppia con un figlio, mentre sfiora quasi i 1800 euro per le giovani coppie under 35 anni.

«Una catastrofe che rallenterà la ripresa in corso, per colpa dei minori consumi, indispensabile per far fronte all’impennata dei prezzi – dice il presidente UNC Massimiliano Dona – L’inflazione a 4,8% significa, per una coppia con due figli, un aumento del costo della vita pari a 1715 euro su base annua, 840 solo per Abitazione, acqua ed elettricità, 416 euro per i Trasporti. Per una coppia con 1 figlio, la maggior spesa annua è pari a 1611 euro, 843 per l’abitazione, 362 per i trasporti, in media per una famiglia il rialzo complessivo è di 1389 euro, 791 per l’abitazione e 266 per i trasporti».


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)