Luce e gas, ARERA: dal 2023 maggiore trasparenza nelle bollette

Luce e gas, ARERA: dal 2023 maggiore trasparenza nelle bollette

Sono in arrivo nuove informazioni utili ai clienti e maggiore trasparenza nelle bollette di luce e gas inviate dal prossimo gennaio 2023. Lo rende noto l’ARERA, che con la delibera 209/2022/R/com, specifica le modalità di calcolo della voce ‘Consumo annuo’ relativo agli ultimi 12 mesi, introduce la ‘Spesa annua sostenuta’ che somma le ultime 12 mensilità e il ‘Codice offerta’, un numero identificativo utile per rintracciare facilmente le informazioni relative alla propria offerta e confrontarla con altre presenti sul mercato.

Inoltre, i venditori sul mercato libero dovranno rendere distinte le voci di spesa ‘oneri di sistema’ e ‘trasporto e gestione del contatore’.

In questo modo – si legge nella nota dell’ARERA – l’Autorità intende arricchire il contenuto informativo della bolletta sintetica, per renderla più coerente con le informazioni riportate all’interno del ‘Portale Offerte’, del ‘Portale Consumi’ e del nuovo ‘Codice di condotta commerciale’, nonché per integrare le informazioni con elementi utili per offrire maggiore consapevolezza, capacità di verifica e confrontabilità.

Bollette luce e gas, le altre novità in arrivo dal 2023

Ulteriori novità sono previste, in aggiunta a queste voci, sempre dal 2023. In particolare, i venditori dovranno inserire la data di scadenza del contratto, ove prevista, e l’indicazione di almeno una delle modalità di attivazione del Servizio Conciliazione gratuito dell’Autorità o di eventuali altri organismi di risoluzione extragiudiziale delle controversie.

Infine i venditori dovranno obbligatoriamente inserire nella bolletta il link alla pagina web di ARERA per il consumatore, con le informazioni su ‘Portale Offerte luce e gas’ (per informare sul passaggio ad altro fornitore e per conoscere strumenti di confronto dei prezzi), allo “Sportello per il consumatore Energia e Ambiente” (per ottenere informazioni sulla risoluzione delle controversie e sulla pubblicazione delle offerte vigenti) e al “Portale Consumi” (per confrontare con un grafico il consumo attuale di energia elettrica del cliente con quello dello stesso periodo dell’anno precedente, nonché per accedere alle informazioni complementari sui consumi storici e l’utenza).

 

bollette luce e gas

 

Le richieste delle Associazioni dei Consumatori

La notizia è stata accolta favorevolmente dalle Associazioni dei Consumatori, che avanzano però ulteriori richieste.

“Bene, ottima notizia! Si tratta di un passo avanti importante per districarsi nella giungla delle offerte a condizione, però, cosa attualmente non prevista, che il Codice offerta possa essere inserito anche nel Portale offerte di Arera, per poter raffrontare la propria tariffa con quelle esistenti e attivabili”, afferma Marco Vignola, responsabile del settore energia dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Il consumatore deve poter inserire il Codice della propria offerta per poter confrontare quello che sta pagando con quello che pagherà in futuro, altrimenti è impossibile un vero confronto e non si riesce ad accertare se si può effettivamente risparmiare cambiando fornitore” conclude Vignola.

Il Codacons, inoltre, chiede di inserire nelle fatture ulteriori strumenti a tutela delle famiglie.

“Soprattutto in questo momento in cui le bollette sono alle stelle, crediamo sia utile inserire nelle fatture indicazioni agli utenti su come evitare sprechi energetici, ridurre i consumi e risparmiare sulla spesa di luce e gas – spiega il presidente Carlo Rienzi – Indispensabile poi che la bolletta contenga riferimenti su come difendersi dalle pratiche scorrette degli operatori dell’energia, che continuano ad esempio a richiedere conguagli illegittimi per consumi prescritti”.

“Serve infine prevedere all’interno delle bollette indicazioni utili ad incrementare la concorrenza tra operatori e abbassare le tariffe, inserendo informazioni chiare e puntuali sulle tariffe scontate in scadenza – conclude Rienzi -, specificando i reali costi che l’utente andrà a sostenere una volta scadute le offerte promozionali con cui gli operatori del mercato libero attirano clienti, in modo da consentire ai consumatori scelte più consapevoli”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)