Banca Popolare di Bari

Banca Popolare di Bari, tre condanne da parte dell’Arbitro Consob

L’Arbitro per le Controversie Finanziarie della Consob ha condannato la Banca Popolare di Bari a risarcire tre risparmiatori per aver venduto azioni senza rispettare gli obblighi informativi. Konsumer Italia chiede una riforma del sistema che obblighi a rimborsare immediatamente i consumatori

Con tre decisioni tutte depositate il 13 dicembre, l’Arbitro per le Controversie Finanziarie istituito presso la Consob ha condannato la Banca Popolare di Bari a risarcire tre risparmiatori per aver venduto azioni emesse dalla stessa banca senza rispettare gli obblighi informativi.

Banca popolare di Bari, le motivazioni dell’Arbitro

A fondamento della decisione – spiega Konsumer Italia – è stato posto “l’inadempimento da parte dell’intermediario degli obblighi di informazione precontrattuale sulle caratteristiche e sul grado di rischio degli strumenti finanziari (…) in relazione al mancato assolvimento degli obblighi di informazione rafforzata previsti per i prodotti illiquidi”.

Con queste ennesime decisioni l’Arbitro Consob ribadisce il comportamento non corretto tenuto dalla banca nel collocamento delle azioni.

“In sostanza – ha dichiarato l’Avv. Massimo Melpignano, responsabile Nazionale Banca e Finanza, che ha assistito nei procedimenti i risparmiatori – l’Arbitro Consob ha condannato il comportamento della banca, che si è resa colpevole di non aver informato correttamente i risparmiatori, in particolare non avvisandoli della natura illiquida delle azioni a loro vendute, condizionando l’investimento che altrimenti sarebbe stato indirizzato su altri titoli”.

 

Banca Popolare Bari

 

Konsumer Italia: i risparmiatori devono essere rimborsati immediatamente

Secondo Melpignano, dunque, “è indispensabile una riforma del sistema che obblighi le banche soccombenti, in questo caso la Banca Popolare di Bari, a rimborsare immediatamente i risparmiatori senza costringerli, dopo aver già riportato una vittoria davanti all’Arbitro Consob, ad attivare il procedimento davanti al Tribunale perché la banca non paga”.

“È questo l’impegno dell’Associazione – dichiara Fabrizio Premuti, Presidente Nazionale di Konsumer Italia. – Chiederemo immediatamente un incontro con tutte le Autorità responsabili, affinché i consumatori vedano riconosciuto il valore delle decisioni dell’Arbitro Consob senza essere costretti ad attendere altro tempo e a spendere altri soldi in un giudizio civile”.

“Nel frattempo – conclude l’associazione – le dimissioni dell’amministratore delegato Bergomi generano ansia tra gli oltre 17.000 obbligazionisti in attesa di ricevere a fine anno il rimborso delle obbligazioni emesse dalla banca per complessivi 228 milioni di euro“.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Francesca Marras
Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)