Batterie sostenibili, nuove regole. Il Parlamento UE chiede impegno ambientale e sociale

Batterie sostenibili, nuove regole. Il Parlamento UE chiede impegno ambientale e sociale

Batterie più sostenibili e più facili da sostituire, anche negli smartphone, obblighi di diligenza dell’intera catena produttiva e obiettivi più ambiziosi per la gestione dei rifiuti: questi gli obiettivi del Parlamento Europeo, che si dichiara pronto a negoziare con i governi UE nuove norme per regolare l’intero ciclo di vita delle batterie, dalla progettazione alla fine vita, con un maggiore impegno ambientale e sociale.

Nel corso del dibattito di mercoledì – si legge in una nota – i deputati hanno sottolineato “il ruolo cruciale che un’opportuna gestione delle batterie potrebbe avere nella transizione verso un’economia circolare a impatto zero sull’ambiente, e nella competitività e autonomia strategica dell’UE”. Il testo legislativo, quindi, è stato adottato giovedì, con 584 voti favorevoli, 67 contrari e 40 astensioni.

Batterie, le richieste del Parlamento UE

I deputati chiedono, dunque, requisiti più risoluti sulla sostenibilità, il rendimento e l’etichettatura, compresa l’introduzione di una nuova categoria per “mezzi di trasporto leggeri (Light Means of Transport – LMT)”, come scooter elettrici e biciclette, e criteri che chiariscano l’impronta di carbonio.

 

batterie

 

Entro il 2024 le batterie portatili degli apparecchi, come gli smartphone, e le batterie per i LMT dovranno essere progettate in modo che i consumatori e gli operatori indipendenti possano rimuoverle facilmente e in sicurezza.

Inoltre – sottolineano i deputati – l’industria dovrebbe garantire che la catena produttiva rispetti pienamente i diritti umani e gli obblighi di diligenza (due diligence), affrontando così i rischi relativi all’approvvigionamento, alla lavorazione e al commercio delle materie prime, che spesso – affermano – sono concentrati in uno o pochi Paesi.

Nel testo vengono fissati, inoltre, i livelli minimi per la quantità di cobalto, piombo, litio e nichel, che dovrebbe essere recuperata dai rifiuti e riutilizzata per nuove batterie, e obiettivi di raccolta più rigorosi per le batterie portatili.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)