Moratorie mutui e prestiti, Assoutenti: nuove regole Eba potrebbero bloccare sospensione rate

Moratorie mutui e prestiti, Assoutenti: nuove regole Eba potrebbero bloccare sospensione rate

Quando un consumatore è classificato in default la banca può sospendere le proprie prestazioni, quindi bloccare il conto e segnalare alla Centrale dei Rischi. Di conseguenza i consumatori dovranno negoziare nuove condizioni e forme per garantire il pagamento dei propri debiti.

È quanto stabilito dalle nuove norme europee in materia di rimborso dei crediti da parte dei clienti delle banche; regole che – ricorda il CRTCU (Centro di Ricerca e Tutela dei Consumatori e Utenti) – le banche erano tenute ad applicare entro il 1° gennaio 2021. Per maggiori informazioni sono disponibili le FAQ di Banca d’Italia.

In cosa consiste il default?

Il CRTCU spiega che dopo la crisi dei mutui subprime del 2008, l’Europa ha introdotto nuove misure per garantire, innanzitutto, che ogni prestito sia assistito da idonea garanzia. Per misurare la capacità dei consumatori di ripagare i loro debiti è stata introdotta la definizione di default, che indica l’incapacità del consumatore di far fronte ai propri debiti.

“I consumatori sono molto preoccupati per le nuove regole, proprio perché entrano in vigore in un momento in cui regna l’incertezza economica e, in ragione di ciò, si sarebbe potuto pensare ad una proroga. In ogni caso, pretendiamo la forma scritta da parte della banca prima di dichiarare qualcuno in default, in modo da consentire il rientro in tempi rapidi e sanare la situazione”, commenta il dott. Carlo Biasior, direttore del CRTCU.

Quando scatta l’inadempienza?

Il CRTCU invita, dunque, tutti i consumatori ad informarsi, per evitare di essere classificati in default, e a monitorare costantemente il saldo del proprio conto corrente.

“Se, per 90 giorni consecutivi, il saldo dovesse essere negativo almeno di 100 euro (soglia assoluta) e, contemporaneamente, la sconfinamento rappresenti l’1% dell’esposizione totale (soglia relativa), la banca può legittimamente bloccare il conto corrente, con la conseguenza, innanzitutto, di vedere sospesi i pagamenti automatici, come utenze o affitto”, spiega il CRTCU.

Inoltre, i consumatori in default corrono il rischio di vedersi segnalati alla Centrale dei Rischi come cattivi pagatori, con la conseguenza di non poter accedere a ulteriore credito.

 

Quando scatta l'inadempienza (Fonte: infografica ABI)
Quando scatta l’inadempienza (Fonte: infografica ABI)

 

Tuttavia, si specifica che essere in default non vuol dire automaticamente essere messo “a sofferenza” nella Centrale dei Rischi.

“Il default e la segnalazione sono momenti diversi – spiega ancora il CRTCU. – La banca provvederà alla segnalazione solo quando ritiene che il cliente abbia gravi difficoltà, non temporanee, a restituire il suo debito, valutazione fatta sulla situazione finanziaria complessiva e non basata su singoli eventi”.

Per non essere più “inadempiente”, il cliente deve regolarizzare l’arretrato e devono essere passati almeno 90 giorni dal pagamento, spiegano le Associazioni dei consumatori, insieme all’Associazione bancaria italiana ABI, in un documento di chiarimento.

Cosa bisogna fare in caso di default?

Il CRTCU raccomanda ai consumatori che sanno di potersi trovare in questa situazione di verificare costantemente la propria posizione debitoria, tenendo monitorati sempre tempi e limiti di spesa delle proprie scadenze.

Inoltre, devono contattare tempestivamente la propria banca per avvisare delle difficoltà e concordare, eventualmente, un piano di rientro o ricevere l’autorizzazione a sconfinare, con tempi e modi predefiniti.

Scrive per noi

Francesca Marras
Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)