Garden therapy

L'arte del pollice verde per vincere contro lo stress

Prendersi cura di uno spazio personalissimo e deputato al relax come il giardino di casa è un esercizio di benessere assoluto. L’area verde si offre quale medicina naturale per scacciare ansia, stress e stati depressivi. Il concetto di ‘garden therapy’, che abbraccia molteplici situazioni diverse (può riguardare persino il contesto dell’ufficio) è ampio e articolato: il suo obiettivo dichiarato è agire sull’umore, migliorando l’approccio con la quotidianità. Quella del pollice verde è un’arte tutta da sviluppare e coltivare, nel vero senso della parola.

Il taglio del prato e la cura di un piccolo orto

Sono molte le attività chiave che si possono portare avanti per ritagliare pause relax assolute, soprattutto la sera quando si rientra a casa dopo una giornata pesante. La prima che viene in mente è la cura del prato, ovvero un’attività alla quale per definizione ci si dedica quando cala il sole. Sfoglia il catalogo e acquista online i tagliaerba Oleo-Mac per assicurarti accessori hi-tech e all’avanguardia in fatto di sicurezza. La dotazione di base è infatti molto importante per portare a termine il lavoro presto e bene. L’ideale è procedere al taglio con regolarità, anche se in estate è possibile rallentare un po’ il ritmo.

 

Garden therapy

 

Anche la cura di un piccolo orto può apportare benefici a livello psicologico e il motivo è presto detto: vedere qualcosa che cresce e si sviluppa grazie al personale impegno è una sensazione unica, che agisce sull’autostima. Stare al sole, evitando comunque le ore più calde, apporterà benefici pure al corpo: aumenta infatti la produzione della vitamina D, proprio in conseguenza di un’esposizione maggiore alla luce, con un surplus anche di buonumore. Non necessariamente bisogna svolgere specifiche attività nell’ambito del proprio spazio verde: la sensazione di pace e tranquillità arriverà in ogni caso, anche se semplicemente decidete di estraniarvi dal contesto un paio d’ore, leggendo un libro o riposando sotto le fronde di un albero.

Tra i vantaggi che la garden therapy apporta all’organismo ci sono: il miglioramento delle facoltà motorie, una maggiore propensione al dialogo e alla convivialità, una riduzione immediata degli stati depressivi e della tristezza.

Veder sbocciare fiori e frutta migliora anche l’autostima

Quando si parla di garden therapy si fa riferimento a una sorta di disciplina olistica dai contorni morbidi: qui il livello di personalizzazione delle attività ‘green’ è altissimo. Ciascuno è perfettamente in grado di scegliere le attività più congeniali al suo essere: si seminano fiori per vederli sbocciare, si raccoglie la frutta e la verdura che poi servirà per preparare manicaretti da condividere.

È importante prendere la decisione di dedicarsi all’arte nobile e senza tempo del “pollice verde”: risolleverete con sessioni di lavoro leggere e appassionate il vostro umore e l’animo grigio, donando vigore alla routine. Coltivare la terra, inoltre, consente di ottenere una sensazione di pace interiore che mantiene l’apparato cardiocircolatorio allenato.

Una terapia olistica alla quale dedicarsi sia in casa che in ufficio

Chi sceglie di avvicinarsi gradualmente alla garden therapy probabilmente inizierà da attività semplici e rilassanti come il taglio del prato alla sera. Il suono del tagliaerba potrà agire come un ”rumore bianco”, offrendo una via di fuga dal caos anche dei pensieri che sempre si annidano in testa. Anche il balcone può un essere un luogo giusto per la garden therapy: coltivate pomodori e cipolla, basilico e insalata. Non solo vi rilasserete ma avrete anche prodotti freschi da usare in cucina. Il davanzale è poi il luogo ideale per ospitare fiori ed erbe aromatiche, capaci di stuzzicare l’olfatto. Anche l’ufficio potrà ospitare uno spazio verde e personalissimo: in un angolo posizionate un ficus benjamin oppure una pianta di aloe, gli effetti benefici saranno i medesimi.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)