Pasqua in zona rossa, cosa si può fare? Regole ed eccezioni

Pasqua in zona rossa, cosa si può fare? Regole ed eccezioni

Quest’anno gran parte delle persone trascorrerà Pasqua e Pasquetta a casa, con pochi familiari o amici. Per via dell’emergenza sanitaria ancora in atto il Governo ha previsto, infatti, specifiche regole per le festività: nei giorni 3, 4 e 5 aprile tutta l’Italia sarà in zona rossa.

Tuttavia, come a Natale, sono previste alcune deroghe sugli spostamenti.

Pasqua, quali sono gli spostamenti consentiti?

Come si legge sulla pagina dedicata alle Faq del Governo, in zona rossa sono consentiti esclusivamente gli spostamenti per comprovati motivi di lavoro, salute o necessità (anche verso un’altra Regione o Provincia autonoma).

Ma, “nei giorni 3, 4 e 5 aprile 2021 sarà consentito spostarsi, una sola volta al giorno, verso un’altra abitazione privata abitata della stessa Regione, tra le ore 5.00 e le 22.00, a un massimo di due persone, oltre a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione. La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che convivono con loro”.

Inoltre, resta sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, compreso il rientro nelle “seconde case” ubicate dentro e fuori regione.

Si può fare la spesa in un comune diverso da quello in cui si abita?

A questa domanda il Governo risponde che fare la spesa rientra sempre fra le cause giustificative degli spostamenti.

“Laddove quindi il proprio Comune non disponga di punti vendita o nel caso in cui un Comune contiguo al proprio presenti una disponibilità, anche in termini di maggiore convenienza economica, di punti vendita necessari alle proprie esigenze, lo spostamento è consentito, entro tali limiti, che dovranno essere autocertificati”.

 

Pasqua zona rossa

 

Allo stesso modo, è giustificato da ragioni di necessità spostarsi per acquistare giornali, per andare in farmacia, o comunque per acquistare beni necessari per la vita quotidiana.

Attività motoria

L’attività motoria all’aperto è consentita, ma solo svolta individualmente e in prossimità della propria abitazione. È obbligatorio rispettare la distanza di almeno un metro da ogni altra persona e indossare dispositivi di protezione individuale.

Anche le passeggiate, dunque, sono ammesse, in quanto attività motoria, ma esclusivamente in prossimità della propria abitazione.

Pasqua in zona rossa, si può andare in ristorante?

Per quanto riguarda ristoranti, pasticcerie e altre attività di ristorazione, restano valide le regole in vigore per le zone rosse.

Pertanto è sempre vietato consumare cibi e bevande all’interno dei ristoranti e delle altre attività di ristorazione (compresi bar, pasticcerie, gelaterie etc.) e nelle loro adiacenze.

Ma è consentita la vendita con asporto di cibi e bevande, dalle 5.00 alle 22.00, con le seguenti modalità:

  • dalle 5.00 alle 18.00, senza restrizioni;
  • dalle 18.00 alle 22.00, è vietata ai soggetti che svolgono come attività prevalente quella di bar senza cucina (e altri esercizi simili – codice ATECO 56.3).

La consegna a domicilio è consentita, invece, senza limiti di orario, così come la consumazione di cibi e bevande all’interno degli alberghi e delle altre attività ricettive, per i soli clienti che vi alloggiano.

Scrive per noi

Francesca Marras
Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)