Certificati anagrafici

Testamento biologico, ai Comuni nessuna Testamento solidale, per una organizzazione su tre donazioni di oltre 50mila euro

Tra il 2016 e il 2020 è aumentata la raccolta fondi legata ai lasciti solidali e, nell’ultimo anno, la pandemia da Covid-19 ha spinto più italiani a richiedere informazioni o ha addirittura accelerato la scelta di redigere un testamento solidale.

Lo certifica l’indagine sul tema promossa dal Comitato Testamento Solidale tra le 23 onp aderenti: ActionAid, AIL, AISM, Fondazione Don Gnocchi, Lega del Filo d’Oro, Save the Children, Aiuto alla Chiesa che Soffre Onlus, Amnesty International, Amref, Apurimac onlus, Associazione Luca Coscioni, CBM, Greenpeace, Istituto Pasteur Italia, Fondazione Cenci Bolognetti, Operation Smile Italia Onlus, Fondazione Telethon, Fondazione Umberto Veronesi, Mission Bambini, Progetto Arca, Unicef, Università Campus Bio-Medico di Roma, UICI e Vidas.

Testamento solidale, i risultati dell’indagine

Per quasi 1 organizzazione su 2 (48% del campione intervistato) si continuano a ricevere lasciti di entità piccole, medie e grandi. Ma 1 organizzazione su 3 (35%) dichiara donazioni oltre i 50mila euro.

Il 100% delle onp ha ricevuto lasciti destinati alla mission generale dell’organizzazione piuttosto che a progetti specifici, così da consentire di utilizzare i fondi per gli interventi più importanti o più urgenti, dato questo che si configura come un segnale di grande fiducia nell’operato delle onlus.

In generale, 1 organizzazione su 2 ha registrato un deciso incremento del trend di raccolta fondi da lasciti, a fronte dell’altro 50% che osserva un trend stabile. Secondo il 41% degli intervistati, nell’arco degli ultimi 5 anni la raccolta da lasciti ha avuto un peso tra il 5 e il 10% nella raccolta fondi generale delle organizzazioni. Il peso è stato tra l’11 e il 25% per quasi 2 organizzazioni su 10.

“Sono dati che ci parlano di un fenomeno tutt’altro che in declino – commenta Rossano Bartoli, Portavoce del Comitato Testamento Solidale e Presidente della Lega del Filo d’Oro – Con questa nuova survey abbiamo guardato al fenomeno dal punto di vista delle organizzazioni, ed è stata la conferma che la cultura del testamento solidale si sta diffondendo nel nostro Paese, anche grazie all’opera di sensibilizzazione che il Comitato porta avanti sin dal 2013”.

Testamento solidale

 

Per il 61% delle onp a donare un lascito testamentario sono donne, mentre per oltre il 30% il testamento solidale viene scelto in egual misura da uomini e donne. La maggioranza di persone che fanno un lascito ha comunque già un’abitudine alla donazione (70%), non necessariamente a favore della onlus che si sceglie poi per le ultime volontà.

Il peso della pandemia

Secondo il sondaggio la pandemia ha aumentato l’interesse verso il lascito per oltre il 48% delle onp, mentre per un altro 48% la situazione è rimasta invariata.

Ma per il 74% il clima vissuto nel 2020, anno in cui il Covid-19 è sbarcato anche in Italia, ha accelerato la scelta di chi stava già pensando di redigere un testamento solidale. Il 22% del campione ha poi avuto esperienza diretta di donatori che hanno optato per un lascito testamentario dopo aver vissuto, in prima persona o in famiglia, l’esperienza del Covid-19.

Cos’è il testamento solidale?

Il testamento solidale è un lascito a favore di enti, associazioni e organizzazioni onlus, una scelta che permette di contribuire a cambiare il mondo, anche dopo la vita – spiega il Comitato. Un gesto semplice e non vincolante, che può essere ripensato, modificato in qualsiasi momento e senza che vengano in alcun modo lesi i diritti legittimi dei propri cari e familiari.

E senza che siano necessari ingenti patrimoni: si può lasciare anche solo una piccola parte dei propri beni, ad esempio una somma di denaro di qualsiasi entità, un bene mobile (un arredo, un’opera d’arte, un gioiello etc..), un bene immobile, una polizza, azioni e titoli d’investimento.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)