alimentazione e etichettatura nutrizionale

L’Italia è leader nel campo delle eccellenze agroalimentari con 861 prodotti riconosciuti dall’UE, ma sono anche tanti i tentativi di truffa e contraffazione a danno della qualità, della sicurezza alimentare e dell’ambiente.

55mila controlli, 513 interventi fuori dei confini nazionali e sul web; oltre 390 notizie di reato, circa 72 milioni di kg di merce sequestrata per un valore di oltre 301 milioni di euro.

È il bilancio dell’attività operativa dell’Ispettorato Centrale Repressione Frodi (ICQRF) del Mipaaf contro frodi e contraffazioni del made in Italy a danno dei consumatori. Dati che confermano l’ICQRF come principale Autorità italiana antifrode nell’agroalimentare e ai vertici mondiali per numero di controlli in diverse produzioni (Vino, Olio, Bio, formaggi).

 

ICQRF
ICQRF

I controlli sul web

Sul web, in particolare, agisce per tutelare i prodotti di qualità italiani a DO (Denominazione di origine) e IG (Indicazione geografica), attraverso la collaborazione con le principali piattaforme mondiali dell’e-commerce. Grazie alla continua collaborazione con i tre web market Alibaba, Amazon ed Ebay, ICQRF ha attivato nel 2019 ben 340 interventi a tutela delle produzioni italiane, con il 99% di successi: 254 prodotti in vendita su e-Bay, 65 quelli su Amazon e 21 su Alibaba.

“Dobbiamo continuare a contrastare su tutti i versanti l’illegalità, la contraffazione e i furti di identità – ha dichiarato la ministra Teresa Bellanova – per sostenere e valorizzare sempre più le nostre Dop, Igp e Stg, in Italia, all’Estero e sul web, e impedire che sugli scaffali dei negozi e sulle tavole dei consumatori, in Italia e dovunque, arrivino prodotti contraffatti e nocivi per la salute invece che riconosciuti e riconoscibili, grazie alla corretta etichettatura e tracciabilità”.

L’ICQRF continua inoltre a svolgere le sue attività di controllo sulle produzioni e sugli operatori agroalimentari dei 57 Comuni della “Terra dei fuochi”, a garanzia della qualità dei prodotti campani. Nel 2019 oltre la metà dei controlli (63%) ha riguardato i settori dell’agroalimentare maggiormente a rischio: ortofrutticolo, conserviero, lattiero-caseario e vitivinicolo. Elevato è il tasso di irregolarità nel settore lattiero-caseario, dove è stata riscontrata in particolar modo una mancata adozione di sistemi idonei a garantire la tracciabilità del latte di bufala prodotto quotidianamente.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)