Bankitalia: tassi sui mutui a 3,95%. UNC: stangata da 150 euro al mese su gennaio 2022 (foto Pixabay)

Bankitalia: tassi sui mutui a 3,95%. UNC: stangata da 150 euro al mese su gennaio 2022 (foto Pixabay)

Nel mese di gennaio i tassi di interesse sui prestiti erogati alle famiglie per l’acquisto di abitazioni, comprensivi delle spese accessorie (Tasso Annuale Effettivo Globale, TAEG) si sono collocati al 3,95% (3,36 a dicembre), secondo i dati di Bankitalia, pubblicati nel report “Banche e moneta: serie nazionali – gennaio 2023“.

Una “stangata” secondo l’Unione Nazionale Consumatori, che analizza l’impatto di tale rialzo su chi ha sottoscritto un mutuo a tasso variabile.

Tassi di interesse in rialzo, rincari per mutui a tasso variabile

“Non solo da dicembre a gennaio, in un solo mese, i tassi salgono da 3,36 a 3,95, +0,59 punti percentuali, ma rispetto a gennaio 2022, un anno fa quando erano a 1,78, decollano di 2,17 punti percentuali”, afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Considerando l’importo e la durata media di un mutuo, un rialzo dei tassi così consistente significa che la rata, per chi ha sottoscritto ora un mutuo a tasso variabile, aumenta, rispetto a un anno fa, da 581 a 731  euro, con un rincaro pari a 150 euro al mese. Una mazzata annua pari a 1800 euro”, conclude Dona.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)