La Commissione europea ha proposto nuove norme che consentiranno alle autorità nazionali garanti della concorrenza di applicare più efficacemente la legislazione antitrust dell’UE, dotandole di tutti gli strumenti necessari per conseguire tale obiettivo. “Le norme antitrust dell’UE migliorano il funzionamento dei mercati e a tal fine le autorità garanti della concorrenza degli Stati membri collaborano strettamente con la Commissione”, ha dichiarato la Commissaria responsabile della politica di concorrenza, Margrethe Vestager.“Vogliamo che tutte queste autorità nazionali siano in grado di adottare decisioni in piena autonomia e dispongano di strumenti efficaci per reprimere e sanzionare eventuali violazioni. Non dimentichiamo che un mercato unico ben funzionante rappresenta un vantaggio sia per le imprese che per i consumatori europei”, ha proseguito la Vestager

L’attuale proposta della Commissione intende conferire maggiori poteri alle autorità garanti della concorrenza degli Stati membri, facendo sì che, nell’applicare la stessa base giuridica, esse dispongano di strumenti di applicazione adeguati, creando in tal modo un vero e proprio spazio comune di applicazione delle norme sulla concorrenza.

L’introduzione delle nuove norme fa seguito alla consultazione pubblica, avviata dalla Commissione nel novembre 2015, sul conferimento di maggiori poteri alle autorità nazionali garanti della concorrenza allo scopo di aumentarne l’efficacia.

La proposta della Commissione sottolinea l’importanza dei diritti fondamentali delle imprese e obbliga le autorità a rispettare, nell’esercizio dei loro poteri, le garanzie che tutelano adeguatamente tali diritti, conformemente alla Carta dei diritti fondamentali dell’UE.

Dalla sua entrata in vigore, il 1º maggio 2004, il regolamento (CE) n. 1/2003 del Consiglio ha contribuito a un’applicazione più rigorosa delle norme antitrust all’interno dell’UE, modernizzando l’applicazione delle norme UE concernenti le pratiche commerciali restrittive (articolo 101) e lo sfruttamento abusivo di una posizione dominante sul mercato (articolo 102). Il regolamento ha posto fine al precedente sistema di notifica alla Commissione di eventuali accordi da parte delle imprese, a fini di approvazione ai sensi delle norme antitrust, e ha permesso alle autorità garanti della concorrenza e alle giurisdizioni degli Stati membri di dare un maggior contributo all’applicazione delle norme europee in questo settore. Ha inoltre istituito la rete europea delle autorità garanti della concorrenza (ECN), nel cui ambito la Commissione e le autorità nazionali competenti coordinano l’applicazione delle norme antitrust dell’UE.

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)