Aumenta il disagio sociale. Lo dicono il senso comune, i dati quasi odierni sulla disoccupazione e sulla contrazione del potere d’acquisto delle famiglie, e lo ribadisce il Misery Index Confcommercio, la rilevazione mensile del disagio sociale, calcolato valutando la disoccupazione estesa e la variazione percentuale dei prezzi di beni e servizi ad alta frequenza di acquisto: a novembre il Misery Index è stimato a 21,4 punti, in aumento di 0,3 punti rispetto a ottobre. Responsabile è la crescita di 0,3 punti della disoccupazione estesa, mentre l’inflazione dei beni e servizi ad alta frequenza di acquisto rimane invariata allo 0,8% rispetto al mese precedente.
“I dati odierni di Confcommercio sul disagio sociale nel nostro Paese confermano, ancora una volta, una situazione di estremo allarme in cui si trovano le famiglie – commentano Federconsumatori e Adusbef – Un andamento che, come denunciamo da tempo, non si limita ad intaccare lo stile di vita, le abitudini ed i consumi dei cittadini, ma continua a produrre effetti deleteri per l’intero sistema economico, che ormai da anni deve fare i conti con una forte crisi della domanda di mercato”.
Gli indicatori economici rilanciati dalle due associazioni parlano chiaro: il tasso di disoccupazione si attesta  ormai a livelli record, pari al 12,7% e al 41,6% fra i giovani; il Pil è in calo su base annua; i consumi sono stimati dall’Osservatorio Nazionale Federconsumatori in flessione dell’8,1% nel biennio 2012-2013; le aziende fallite sono oltre 10 mila nei primi nove mesi dell’anno scorso.
“Un vero e proprio bollettino di guerra, che potrebbe continuare ancora elencando una miriade di dati, tutti concordi nel dimostrare come il Paese necessiti di un intervento deciso e concreto in direzione della ripresa”, dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, per i quali per il 2014 si prospetta già una stangata di quasi 1400 euro a famiglia per l’aumento di prezzi e tariffe. Le  due associazioni ribadiscono dunque quanto vanno chiedendo da tempo: attuare tagli agli sprechi, alle inefficienze, ai privilegi; potenziare la lotta all’evasione fiscale; intervenire sulle speculazioni delle filiere produttive, che continuano a determinare aumenti ingiustificati di prezzi e tariffe.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)