Il tasso di disoccupazione è sceso all’11,5% e i miglioramenti sul mercato del lavoro proseguirebbero anche nel 2017, ma a ritmi più contenuti: le unità di lavoro sono previste in aumento dello 0,6% e la disoccupazione si attesterebbe all’11,3%. Sono questi i dati e le previsioni sull’andamento del mercato del lavoro comunicati da Istat.

I dati sul PIL prevedono un aumento del +0,8% nel 2016 in termini reali, una stima rivista al ribasso di 0,3 punti percentuali rispetto a maggio, a cui seguirebbe una crescita di 0.9% nel 2017.

Secondo Federconsumatori e Adusbef i dati sulla disocuppazione sono preoccupanti, nonostante i timidi cenni di miglioramento. Inoltre, l’andamento e le prospettive per il prossimo anno dimostrano come la mancanza di opportunità lavorative, specialmente per i giovani, rappresenti ancora il problema più grave e urgente per il nostro Paese.

“Per questo è urgente intervenire per invertire tale tendenza e dare nuove prospettive al Paese, che ormai da anni vive in una preoccupante situazione di stallo”, dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori e Adusbef. “C’è bisogno di una risposta forte e decisa per risollevare i bilanci familiari e creare nuovi redditi: una risposta che può provenire solo da una ripresa dell’occupazione”.

Secondo le due associazioni, l’elevata disoccupazione giovanile, che al Sud raggiunge picchi anche oltre il 60%, deve essere contrastata attivamente attraverso un serio Piano Straordinario per il Lavoro che preveda interventi mirati all’avvio di una nuova fase di sviluppo e di crescita, attraverso lo stanziamento di investimenti destinati all’innovazione ed alla ricerca; la realizzazione e la modernizzazione delle infrastrutture soprattutto al Sud; la messa in sicurezza antisismica e la valorizzazione dell’offerta turistica.

“Come sosteniamo da tempo”, affermano Federconsumatori e Adusbef, “è opportuno e importante considerare che la ripresa del mercato occupazionale non comporterebbe solo un beneficio diretto, creando nuovo reddito per chi al momento è disoccupato, ma darebbe anche nuovo slancio alla domanda interna, alleggerendo le famiglie dell’onere del mantenimento di figli e nipoti senza occupazione, pari a circa 450 euro al mese”.

Uno studio effettuato dal O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori rivela che, se la disoccupazione tornasse a valori intorno al 6%, ossia il livello pre-crisi che secondo le associazioni risulta ancora eccessivo, la capacità di acquisto delle famiglie aumenterebbe di circa +40 miliardi di euro l’anno. “Risorse preziose che permetterebbero al Paese di tornare a crescere in maniera stabile e strutturale”, concludono.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)