Eurispes, l’Italia che soffre fra difficoltà nell’arrivare a fine mese e rinuncia alla salute (Foto di liza popova da Pixabay)

È un’Italia che fa fatica, che si muove in “tempi straordinari” nei quali “l’incertezza e l’instabilità sono diventate una norma”, quella fotografata dal Rapporto Eurispes 2024. C’è un lieve miglioramento per alcuni indicatori della situazione economica delle famiglie ma non è certo sufficiente a far parlare di un recupero: troppi i nuclei familiari che non riescono ad arrivare a fine mese, che soffrono per bollette, rate del mutui e soldi che non ci sono, che ricorrono all’aiuto dei familiari e rinunciano a quello che non si possono permettere. A partire dalle spese mediche.

Famiglie in difficoltà nell’Italia che arranca

L’Eurispes evidenzia che c’è una parte della popolazione che si trova a dover affrontare situazioni difficili, come quella di non riuscire ad arrivare a fine mese senza grandi difficoltà (57,4%). Anche le bollette (33,1%), l’affitto (45,5%) e le rate del mutuo (32,1%) sono un problema per molte famiglie.

Oltre otto italiani su dieci riconoscono l’aumento dei prezzi dei beni di consumo e questo li costringe a far quadrare i conti in mille modi. Quasi un terzo (il 32,1%) chiede aiuto alla famiglia di origine, oltre quattro su dieci (42,7%) fanno ricorso all’acquisto a rate. Il 33,6% paga in nero alcuni servizi come ripetizioni, baby sitter e simili mentre quasi 3 italiani su 10 rinunciano a cure/interventi dentistici o controlli medici.

La maggior parte degli italiani (55,5%) ritiene che la situazione economica del Paese abbia subìto un peggioramento nel corso dell’ultimo anno, mentre rispetto al futuro i cittadini sono cauti: per il 33,2% la situazione economica italiana resterà stabile nei prossimi dodici mesi. I pessimisti, che attendono un peggioramento, sono il 31,6%, mentre il 10,8% prospetta un periodo di crescita economica. Il 40,9% dei cittadini afferma però che la situazione economica personale e familiare negli ultimi 12 mesi è rimasta stabile.

Il risparmio? Solo poco più di un italiano su quattro, il 28,3%, riesce a risparmiare mentre il  36,8% attinge ai risparmi per arrivare a fine mese.

Nelle difficoltà economiche alcuni sono ricorsi al sostegno di amici, colleghi e altri parenti (17,2%); il 16% ha richiesto un prestito in banca, mentre il 13,6% ha dovuto chiedere soldi in prestito a privati (non amici o parenti) con il pericolo di scivolare nelle maglie dell’usura. È diffusa la vendita online di beni e oggetti (27,5%). Il 37,6% degli italiani ha dovuto rinunciare alla baby sitter e il 24,3% alla badante. Il 15,3% ha dovuto vendere o ha perso beni come la casa o l’attività commerciale/imprenditoriale.

La rinuncia alla salute

Le spese mediche sono una delle voci sulle quali le difficoltà costringono a pagare il prezzo più alto.

“Poiché far fronte alle spese mediche mette in difficoltà nel 28,3% dei casi, le rinunce toccano anche la salute – spiega l’Eurispes – e si fa a meno di visite specialistiche per disturbi o patologie specifiche (23,1%), a terapie/interventi medici (17,3%), all’acquisto di medicinali (15,9%)”.

UNC: dati allarmanti e drammatici

Sono dati “allarmanti e drammatici”, commenta l’Unione Nazionale Consumatori.

Spiega il presidente dell’associazione Massimiliano Dona: «Il fatto che un terzo degli italiani sia in difficoltà con il pagamento delle bollette dimostra da un lato la gravità della situazione economica delle famiglie e dall’altro l’errore fatale commesso dal Governo di aver ripristinato gli oneri di sistema sull’energia e l’Iva sul gas nonostante i prezzi siano ancora ben lungi dall’essere tornati normali. Urge una riforma fiscale che miri a ridare capacità di spesa a quella metà degli italiani che arriva con difficoltà a fine mese, ad esempio riducendo tutti quei balzelli che colpiscono spese obbligate come le bollette di luce e gas, dalle accise agli oneri di sistema».


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)