Le donazioni per bambini a distanza

Cosa c'è da sapere sulle adozioni e donazione per bambini

Il sostegno o l’adozione a distanza di un bambino rappresentano un gesto di grande solidarietà e generosità. Donando una somma di denaro che potrebbe sembrare irrisoria agli occhi di coloro che si avvicinano a questa realtà, al contrario è possibile fare molto e aiutare seriamente un minore a crescere. Non si tratta solo di consentire a lui o lei di mangiare o di bere acqua potabile. Insomma, non è questione soltanto di sopravvivenza.

Decidere di fare donazioni per bambini significa avere il desiderio di farli vivere davvero, di permettere loro di costruire per se stessi un futuro diverso da quello al quale sarebbero destinati. I bambini che hanno bisogno di queste donazioni, grazie all’aiuto economico hanno finalmente la possibilità di studiare, di avere libri, penne e quaderni, e hanno la sicurezza di ricevere tutte le cure necessarie se sono malati. Per loro quel supporto rappresenta l’opportunità di essere protetti. E se è vero che tutto quello di cui stiamo parlando finora a noi può sembrare così scontato e naturale, per moltissimi minori è un vero e proprio dono.

 

migrazione

Sostegno o adozione a distanza: come funziona

Quando si parla di sostegno o adozione a distanza che, è bene sottolinearlo, vogliono dire la medesima cosa, si indica una forma di solidarietà tra persone che sono distanti geograficamente tra loro, ma non necessariamente molto lontani. È possibile infatti fare donazioni per bambini, che hanno bisogno di un supporto economico perché sono in stato di povertà o altro.

La bellissima conseguenza di questo gesto è che con il passare del tempo tra il donatore e il bambino si instaura un rapporto che va ad annullare in qualche modo la distanza fisica, piccola o grande che sia. In alcuni casi, poi, i donatori decidono anche di incontrare personalmente il bambino o la bambina che stanno aiutando a crescere.

Scegliere di sostenere un bambino con delle donazioni significa prendersene cura e stringere un legame strettissimo fatto di interazioni che avvengono attraverso le lettere, i disegni, le fotografie e così via. In tal modo, è possibile essere continuamente aggiornato sulla vita del minore e vedere il bambino o la bambina crescere.

 

 

Educare per donare un futuro ai bambini

Oggi il numero di bambini che non frequentano la scuola dell’obbligo per i più svariati motivi è ancora altissimo, si parla di oltre 61 milioni di minori. Sappiamo bene che l’educazione scolastica è la via d’accesso per un futuro migliore, perché è la conoscenza a rendere una persona consapevole di ciò che le succede intorno.

Purtroppo gli ostacoli che i bambini incontrano nell’età in cui dovrebbero andare a scuola sono spesso insormontabili per loro. Proprio per tale motivo, le donazioni vengono utilizzate anche per dare loro la possibilità di superare queste barriere e andare a scuola. Non si tratta solo di povertà, si va dalla discriminazione di genere, che vieta alle bambine di frequentare le aule solo perché femmine, alle violenze all’interno del nucleo familiare, fino allo sfruttamento del lavoro minorile.Tutte queste problematiche possono essere affrontate e risolte grazie all’intervento mirato delle associazioni volontarie, supportate dall’aiuto economico dei donatori.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)