Truffe bancarie, vittoria per un risparmiatore che ottiene il rimborso da Ing Direct

Truffa a lieto fine per un risparmiatore cliente di Ing Direct, della provincia di Cosenza, assistito con successo dall’associazione Codici. Si tratta di un nuovo caso di spoofing, tecnica utilizzata dai malviventi per inviare alla vittima un SMS che sembra provenire dalla propria banca, ma che in realtà è falso e serve a mettere in contatto l’utente con uno dei componenti della banda, così da far scattare il raggiro.

Spoofing, la vicenda del risparmiatore cliente di Ing Direct

Nella vicenda in questione, che risale all’agosto scorso e che in questi giorni ha trovato una conclusione positiva, il risparmiatore ha ricevuto un messaggio sul cellulare all’apparenza riconducibile al suo istituto, Ing Direct, in cui veniva avvisato di un tentativo di truffa in corso, è stato invitato a seguire alcuni passaggi per mettere al sicuro il conto e così facendo ha innescato la truffa. Una serie di operazioni che hanno fruttato un bottino di circa 3mila euro ai truffatori, somma che il risparmiatore è riuscito però a riavere indietro.

“Preoccupato per il pericolo di perdere dei soldi – afferma Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – il risparmiatore è caduto nella trappola, ingannato da un messaggio che sembrava in tutto e per tutto provenire dal proprio istituto. Le tecniche utilizzate dai truffatori sono sempre più sofisticate ed in costante evoluzione. Quello che non ci stancheremo mai di ripetere è che non bisogna fornire dati personali tramite SMS, e-mail o al telefono, anche quando veniamo informati di una truffa in corso. È importante mantenere la calma ed assicurarsi che l’avviso ricevuto sia vero, contattando la banca”.

Il risparmiatore calabrese dunque, grazie all’intervento di Codici che ha avviato un’azione legale disponendo un ricorso all’Arbitro Bancario Finanziario, è riuscito a riavere la somma che temeva di aver ormai perduto. “Nei giorni scorsi – afferma Giacomelli – abbiamo ricevuto la comunicazione da parte di Ing Direct che era stato disposto il rimborso per il cliente. Siamo ovviamente soddisfatti di questa vittoria, anche perché sancisce ancora una volta un principio a nostro avviso fondamentale: i risparmiatori sono vittime delle truffe e non complici, dunque devono essere tutelati”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)