Vogliamo rassicurare le famiglie che tutte le procedure sono state avviate secondo le norme nei tempi previsti e che la sperimentazione partirà il più presto possibile dopo che il professor Vannoni avrà consegnato il suo metodo di preparazione delle cellule al Comitato scientifico, così come previsto dalla legge, e dopo che il Comitato scientifico avrà indicato quali patologie dovranno essere incluse, secondo quali protocolli e in quali centri”: è quanto afferma in una nota il Ministero della Salute in riferimento al metodo Stamina, ricordando che il Parlamento ha stabilito l’avvio della sperimentazione e l’ha eccezionalmente finanziata con uno stanziamento pari a 3 milioni di euro.
Spiega il Ministero della Salute: “Venerdì 12 luglio ci sarà la prima riunione del Comitato nel corso della quale è prevista un’audizione del Prof. Vannoni che ha annunciato che il metodo di preparazione sarà consegnato il prossimo 1 agosto. In quella data è già stata programmata una seconda riunione del Comitato scientifico. Tutte le istituzioni interessate stanno lavorando con l’obiettivo di avviare la sperimentazione nel più breve tempo possibile e il trattamento dei pazienti potrà iniziare non appena saranno state poste in essere tutte le condizioni necessarie a tutelare la sicurezza ed il rispetto dei diritti dei soggetti coinvolti. Non sussistono timori legati a rallentamenti burocratici, in quanto sono state avviate procedure con tempi assolutamente brevissimi: ricordiamo che il giorno 23 maggio è stata approvata la Legge 57/2013, che l’Istituto Superiore di Sanità ha subito assunto la guida delle procedure, che sono stati rispettati i tempi previsti e che la sperimentazione si dovrà concludere entro 18 mesi”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)