Migliorare la dotazione tecnologica della sanità per superare le differenze regionali e abrogare il superticket sono le misure che devono seguire ora all’approvazione del nuovo Piano nazionale di governo delle liste di attesa, che rappresenta uno strumento importante per la lotta alle disuguaglianze in sanità presenti in Italia e fra le regioni. Questo il primo commento di Cittadinanzattiva sul nuovo Piano approvato dal Ministero della Salute. L’associazione promette che vigilerà sulla sua applicazione.

“Siamo davvero soddisfatti per l’approvazione del nuovo Piano nazionale di governo delle liste di attesa, che recepisce la gran parte delle nostre richieste e proposte avanzate in sede di Commissione nazionale per la stesura del testo – commenta Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva – Uno strumento importante per la lotta alle disuguaglianze sanitarie nel nostro Paese perché punta a garantire uguali diritti nell’accesso alle prestazioni, indipendentemente dal territorio di residenza, nonché maggiori controlli e trasparenza e meno burocrazia per i cittadini”.

“Per raggiungere tutti i risultati previsti dal Piano – conclude Gaudioso – chiediamo che siano stanziate risorse aggiuntive per migliorare, dal punto di vista quantitativo e qualitativo, la strumentazione tecnologica a disposizione dei servizi sanitari che, soprattutto al Sud, appare obsoleta. A queste devono essere affiancate misure necessarie come l’abrogazione del superticket e investimenti concreti per adeguare il personale ai bisogni sanitari dei cittadini”.

Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)