tatuaggi e trucco permanente

tatuaggi e trucco permanente

A partire dal 4 gennaio 2022 migliaia di sostanze chimiche, individuate negli inchiostri per tatuaggi e nel trucco permanente, saranno soggette a restrizione nell’UE, a norma del regolamento REACH.

I rischi per la salute derivanti dall’uso di aghi sporchi per iniettare gli inchiostri sono da molto tempo sotto osservazione – spiega l’Agenzia Europea della Chimica (ECHA). – Ora sono stati analizzati anche i motivi di preoccupazione correlati alle sostanze chimiche degli inchiostri, e i relativi rischi sono stati regolamentati a livello dell’UE”.

Inchiostri per tatuaggi, le restrizioni

Le nuove norme entrano, dunque, in vigore nei paesi UE/SEE a partire dal 4 gennaio 2022 e, nel caso di Pigment Blue 15:3 e Pigment Green 7, per i quali la Commissione e gli Stati membri dell’UE hanno concordato un periodo di transizione di 24 mesi, a partire dal 4 gennaio 2023.

La restrizione introduce, in particolare, limiti massimi di concentrazione per singole sostanze o gruppi di sostanze utilizzate negli inchiostri per tatuaggi o nel trucco permanente, ad esempio particolari sostanze coloranti azoiche, ammine aromatiche cancerogene, idrocarburi policiclici aromatici (IPA), metalli e metanolo.

 

Inchiostri per tatuaggi
Inchiostri per tatuaggi

 

Le nuove norme impongono, inoltre, che sulle etichette delle miscele destinate al tatuaggio e al trucco permanente sia riportato l’uso previsto. L’etichetta deve includere anche un elenco degli ingredienti e le dichiarazioni di sicurezza pertinenti.

“L’obiettivo – spiega ancora l’ECHA – non è vietare la pratica del tatuaggio, ma rendere più sicuri i colori utilizzati nei tatuaggi e nel trucco permanente”.

Le preoccupazioni dell’UE

Gli inchiostri per tatuaggi e il trucco permanente sono una miscela di varie sostanze chimiche e – spiega l’ECHA – “possono contenere sostanze pericolose che causano allergie cutanee e altri effetti più gravi sulla salute, come mutazioni genetiche e cancro”.

Oggetto delle restrizioni sono, dunque, “le sostanze chimiche che provocano il cancro o mutazioni genetiche, quelle tossiche per la riproduzione così come le sostanze sensibilizzanti e irritanti per la pelle”.

In tal modo l’UE prevede “una riduzione delle reazioni allergiche croniche e di altre reazioni cutanee di tipo infiammatorio dovute a inchiostri per tatuaggi e trucco permanente”. Inoltre – prosegue l’ECHA – “potrebbero diminuire effetti più gravi quali tumori o danni al DNA o al sistema riproduttivo, potenzialmente causati dalle sostanze chimiche usate negli inchiostri”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Helpconsumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo organizzato che li tutela.

Parliamone ;-)