Inflazione, Istat: in frenata nei prossimi mesi ma con tempi e intensità incerta (fonte immagine Pixabay)

«L’inflazione è attesa decelerare nei prossimi mesi, anche se con tempi e intensità ancora incerti». È quanto scrive l’Istat nelle Prospettive per l’economia italiana 2022/2023 pubblicate oggi, che tracciano il quadro dell’economia internazionale e italiana. Il Pil italiano, spiega l’Istat, è atteso crescere a ritmi ancora sostenuti nel 2022 (+3,9%) per poi rallentare significativamente nel 2023 (+0,4%). I consumi delle famiglie residenti e delle ISP registreranno una evoluzione in linea con l’andamento dell’attività economica, segnando un deciso aumento nel 2022 (+3,7%) cui seguirà però un rallentamento nell’anno successivo (+0,4%).

Inflazione, le prospettive per l’Italia

«Lo scenario previsivo è caratterizzato da ipotesi particolarmente favorevoli sul percorso di riduzione dei prezzi nei prossimi mesi», dice l’Istat.

Dopo la lunga onda d’urto dell’aumento dei prezzi, l’inflazione a novembre si è stabilizzata – pur su valori elevati.

«Dopo una lunga fase di accelerazione che ha attraversato quasi tutto il 2022, a novembre l’inflazione si è stabilizzata – evidenzia l’Istat – L’indice generale ha riportato una variazione tendenziale pari all’11,8% nel mese di ottobre e di novembre, dopo aver registrato una crescita tendenziale pari all’8,4% nel terzo trimestre».

Nelle previsioni dell’istituto c’è dunque un rallentamento dell’inflazione anche se con modi e tempi incerti.

Scrive infatti l’Istat: «L’inflazione è attesa decelerare nei prossimi mesi, anche se con tempi e intensità ancora incerti».

«Nella media del 2022, il tasso di variazione del deflatore della spesa delle famiglie è previsto crescere (+8,2%, era +1,6% nel 2021) mentre il deflatore del Pil segnerà un incremento significativo ma più contenuto (+3,6%, era +0,5% nel 2021). Sotto l’ipotesi che le pressioni al rialzo dei prezzi delle materie prime siano contenute nei prossimi mesi e in presenza di una stabilizzazione delle quotazioni del petrolio e del cambio, nel prossimo anno l’inflazione è attesa in parziale decelerazione. Nel 2023, il deflatore della spesa per consumi delle famiglie e quello del Pil sono previsti crescere rispettivamente del 5,4% e 3,6% in media d’anno».

 

Inflazione, a novembre è all’11,8% mentre il carrello della spesa segna più 12,8% (foto pixabay)

Consumi in rallentamento

Nel terzo trimestre del 2022, la spesa per consumi è aumentata nei principali paesi europei ad eccezione della Francia in cui si è mantenuta sui livelli del trimestre precedente. L’Italia ha segnato la migliore performance (+1,8%), in lieve accelerazione rispetto al trimestre precedente. La crescita dei consumi di Spagna e Germania è stata invece più contenuta (rispettivamente +1,0% e +0,7%). Per il 2022 in Italia si prevede un aumento dei consumi delle famiglie in termini reali del 3,7% cui seguirà il rallentamento nel 2023, quando ci si ferma a più 0,4% con consumi condizionati dall’alto livello dell’inflazione.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Parliamone ;-)