Festival Sviluppo Sostenibile, Asvis: la sostenibilità tiene acceso il futuro

La sostenibilità tiene acceso il futuro: questo il messaggio chiave della campagna di comunicazione che accompagnerà l’edizione 2023 del Festival dello Sviluppo Sostenibile, che si svolgerà dall’8 al 24 maggio in diverse città d’Italia e online. Sui canali social, oltre a #festivalsvilupposostenibile, sarà l’hasthtag #accendiamoilfuturo a guidare l’invito all’azione collettiva e a sollecitare il dibattito perché “solo attraverso le scelte e i comportamenti individuali e collettivi che mettiamo in atto nel presente con la consapevolezza di ciò che significa sostenibilità economica, sociale e ambientale, infatti, possiamo contribuire a tenere viva la prospettiva di un futuro più sostenibile”.

L’obiettivo del Festival promosso dall’Asvis, l’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile, è quello di diffondere la conoscenza dei 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni unite. Il Festival si svolgerà dall’8 al 24 maggio in tutta Italia, online e nel mondo.

 

 

Da Napoli a Torino, il Festival nei territori

L’evento di apertura, l’8 e il 9 maggio, sarà dedicato all’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) e al ruolo dei territori nel raggiungimento dello sviluppo sostenibile. Il Festival si concluderà mercoledì 24 maggio con la presentazione alle istituzioni delle riflessioni emerse dalla manifestazione e la discussione sui passi da intraprendere affinché l’Unione europea e l’Italia perseguano lo sviluppo sostenibile dal punto di vista economico, sociale, ambientale e istituzionale.

Quest’anno la manifestazione attraverserà l’Italia da Nord a Sud, con 24 eventi nazionali organizzati dall’Asvis. In particolare a Napoli, tappa inaugurale della manifestazione dall’8 al 10 maggio, si parlerà del ruolo dei territori nel raggiungimento dei 17 Obiettivi Onu, ma anche del contributo delle tecnologie alla sostenibilità agroalimentare, delle disuguaglianze di genere e delle disparità in ambito educativo.

La tappa di Bologna, dall’11 al 14 maggio, sarà dedicata alle esperienze delle nove città italiane per la neutralità climatica, al ruolo dell’istruzione, in particolare delle università, e della cultura nel contrasto ai cambiamenti climatici, nonché al protagonismo dei giovani. A Milano, dal 15 al 17 maggio ci sarà il focus su crisi geopolitiche, multilateralismo e aiuti allo sviluppo, oltre che sulla dimensione economica dello sviluppo sostenibile, su greenwashing, socialwashing, Strategie regionali di svilupppo sostenibile e necessità di cambiamenti sistemici. A Torino, dal 18 al 22 maggio, al Salone del Libro si discuterà di alfabetizzazione alla salute, giustizia intergenerazionale ed etica, potenzialità della cultura e della comunicazione nella diffusione dello sviluppo sostenibile nonché di regolamentazione dell’intelligenza artificiale.

La tappa conclusiva si svolgerà a Roma il 23 e 24 maggio. Ospiterà un dibattito sugli stereotipi di genere e costituirà l’occasione per presentare alle istituzioni le riflessioni emerse dalla manifestazione e per discutere i passi da intraprendere affinché Unione europea e Italia perseguano uno sviluppo sostenibile dal punto di vista economico, sociale, ambientale e istituzionale. Tutti gli eventi saranno trasmetti in diretta streaming sui canali dell’Alleanza.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)