occhio

Medicina estetica, aumentano le prenotazioni

Una volta ci si preoccupava di mettersi a dieta in vista dell’estate. Ma oltre alla ricerca di pasti salutari e dietetici, la bella stagione sembra ora portare con sé anche un mini-boom per la medicina estetica. Aumentano infatti le prenotazioni di medicina estetica soprattutto nel periodo compreso fra aprile e giugno.

Online gli italiani cercano informazioni su interventi importanti, sulla chirurgia plastica, perché magari vorrebbero intervenire su seno, pancia e gambe. Poi però prenotano interventi di medicina estetica meno invasivi, quelli per ridurre alcuni inestetismi del corpo e del viso – il filler, per esempio.

 

viso donna
Cura persona, i claim vincenti

 

Medicina estetica, più 20% di prenotazioni

A dirlo è dottori.it, sito e app per la prenotazione di visite specialistiche, che dopo un anno all’insegna della sedentarietà e dello scarso movimento (per i motivi che tutti sappiamo) avrebbe trovato «un aumento del 20% delle prenotazioni di trattamenti di chirurgia plastica e medicina estetica, la maggior parte delle quali concentrate nel periodo compreso tra aprile e giugno».

Le persone guardano alla medicina estetica per migliorare la propria immagine. In realtà online cercano interventi complessi di chirurgia plastica, mastoplatiche additive o ridutttive, addominoplastica e via dicendo. Poi però prenotano interventi molto più leggeri, evidenzia il portale, “ritocchi” che migliorano l’aspetto ma hanno costi decisamente inferiori.

«Se da un lato il desiderio di cambiare alcune parti del corpo si traduce in ricerche di importanti interventi di chirurgia plastica – dicono dal portale – dall’altro le prenotazioni dimostrano che nella maggior parte dei casi ci si accontenta di più semplici ritocchini di medicina estetica, meno invasivi e meno costosi, per ridurre adiposità localizzate, cellulite e inestetismi della pelle appena in tempo per la prova costume».

Lo sguardo in primo piano

Gli interventi più cercati sono così quelli sul seno, le liposuzioni e le addominoplastiche. Quelli invece più prenotati sono più “soft”, come carbossiterapia e radiofrequenza estetica.

Quest’anno poi ci si concentra sul viso e soprattutto sullo sguardo. Anche in questo caso, fra gli interventi più cercati ci sono azioni come la blefaroplastica (più 32% di ricerche) anche se i trattamenti prenotati sono quelli meno invasivi e meno costosi.

«L’alternativa più gettonata al bisturi – dicono dal portale – è quella dei filler: labbra e naso occupano i primi due posti della top 5, con un range di prezzi che va dai 150 ai 750 euro. Terzo posto per la biorivitalizzazione viso che ha lo scopo di restituire elasticità e tono ai tessuti iniettando una serie di farmaci bio-stimolanti capaci di idratare in profondità la pelle. Costo medio a seduta: dai 100 ai 500 euro. Il filler di acido ialuronico per il viso occupa il quarto posto, in questo caso l’effetto di riempimento e aumento di volume o attenuazione delle rughe dura dai 2 ai 12 mesi».

Parliamone ;-)