benzina

Prezzi dei carburanti, al via il taglio delle accise. MDC: c'è una giungla di prezzi

La discesa dei prezzi dei carburanti è iniziata ieri pomeriggio, quando le compagnie hanno cominciato a tagliare i prezzi consigliati di 30,5 centesimi al litro e di 5,5 cent quelli del Gpl. Il taglio delle accise deciso dal Governo è stato dunque applicato a partire da ieri a metà giornata. Per il Movimento Difesa del Cittadino, che nei giorni scorsi ha avviato una campagna antispeculazioni e anti rincari, la situazione è comunque caotica. L’associazione denuncia una “giungla dei prezzi” a livello nazionale.

Prezzi dei carburanti, partito il taglio delle accise

Il taglio delle accise deciso dal governo ed entrato in vigore ieri, spiega Staffetta Quotidiana, è stato recepito sui listini dei prezzi dei carburanti alla pompa a partire da ieri a metà giornata, quando Eni, IP, Q8 e Tamoil hanno tagliato i prezzi consigliati di benzina e gasolio di 30,5 centesimi al litro (25 di accisa cui si aggiungono altri 5,5 di Iva sull’accisa).

Per Eni e Q8 taglio di 5,7 cent sul Gpl (4,7 cent più Iva), per IP e Tamoil di 5,5 cent.

«Il risultato – spiega Staffetta –  è che questa mattina i prezzi si sono assestati, in media nazionale, poco sopra quota 1,7 euro/litro per la benzina e il gasolio e intorno a 0,85 euro/litro sul Gpl».

 

rifornimento carburante
Riduzione delle accise sui carburanti, pubblicati i decreti in Gazzetta Ufficiale

 

MDC: le misure valgono solo fino al 22 aprile

Ma sul caro benzina e sui prezzi dei carburanti, dice il Movimento Difesa del Cittadino, il decreto legge pubblicato ieri in Gazzetta non basta e si rischia la beffa per milioni di consumatori. L’associazione denuncia che le speculazioni alle pompe ai danni dei consumatori stanno continuando. Ed esprime perplessità sulle norme anti aumenti contenute nel Decreto Misure urgenti per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi ucraina.

Prima di tutto, le misure varranno per 30 giorni e non fino alla fine di aprile.

«Da una attenta lettura dell’articolo 1 – spiega MDC – si evince innanzitutto che il calmieramento si applicherà dal giorno di entrata in vigore del presente decreto e fino al trentesimo giorno successivo, ovvero al 22 Aprile e non al 30 come inizialmente annunciato».

C’è poi il rischio, prosegue, che la norma abbassa prezzi «non abbia l’effetto di ridurre di 30,5 centesimi di euro i prezzi di benzina e gasolio, perché molti benzinai la ritengono applicabile non al carburante già immesso per il consumo e giacente nei serbatoi degli impianti».

Si aggiunge a questo il fatto che i prezzi a livello nazionale sono molto vari.

«Il monitoraggio che stiamo realizzando in tutto il Paese attraverso le nostre sedi territoriali e le segnalazioni degli iscritti ci confermano una vera giungla dei prezzi – dichiara il presidente MDC Antonio Longo – Si va da 1.95 € a 2.40 €, con eccezioni nelle zone di confine come il FVG dove, invece si registrano costi intorno a 1.50 € per la concorrenza della Slovenia. Si tratta quindi non di reali costi sopportati per la guerra, ma di vere e proprie truffe e speculazioni che il Governo non può limitarsi a denunciare, ma deve combattere e sanzionare».


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)