Battaglia aperta sulla vicenda degli aumenti per gli abbonamenti dell’Alta Velocità. Le associazioni dei consumatori e i moltissimi pendolari che ogni giorno prendono il treno per raggiungere il luogo di lavoro non ci stanno e si rivolgono all’Antitrust perché intervenga sul caso al più presto.treniFederconsumatori e il Comitato Nazionale Pendolari AV infatti hanno inviato all’AGCM una segnalazione di abuso per posizione dominante della società Trenitalia S.p.A.

In particolare Federconsumatori ed il Comitato Nazionale Pendolari Alta Velocità, hanno rilevato la posizione dominante di Trenitalia negli orari di pendolarismo e il monopolio nell’offerta di servizi in abbonamento sulla rete AV da cui scaturisce una certa rigidità della domanda di trasporto da parte degli utenti pendolari AV alla quale si aggiungono i prezzi iniqui praticati dalla società di trasporto ferroviario.

“Alla luce di tali elementi”, riferiscono dall’associazione, “abbiamo denunciato l’intollerabile posizione dominante assunta da Trenitalia che ha arbitrariamente disposto aumenti medi del 35% per gli abbonamenti AV. Abbiamo quindi chiesto che l’Autorità che disponga in via d’urgenza la sospensione da parte della società Trenitalia S.p.A dell’applicazione all’utenza degli annunciati aumenti tariffari degli abbonamenti Alta Velocità. Inoltre, occorre accertare la posizione di dominanza della società Trenitalia nell’offerta dei servizi di trasporto ferroviario AV in abbonamento e infine verificare l’abuso di posizione dominante della società nella previsione e/o applicazione all’utenza dei pendolari AV dei citati aumenti tariffari”.

Anche Codacons è sul piede di guerra e dichiara: “Attendiamo ora le decisioni dell’Autorità e siamo pronti a qualsiasi iniziativa, compreso il boicottaggio di Trenitalia, contro gli inaccettabili aumenti degli abbonamenti che danneggiano i pendolari italiani”.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)