Nel 2013 Equitalia ha riscosso oltre 7,1 miliardi (3,8 miliardi per l’Agenzia delle Entrate, 1,7 per l’Inps e 1,6 per gli altri Enti), con un calo di circa il 5% rispetto ai 7,5 miliardi del 2012. Come rilevato dalla Corte dei Conti (Relazione sul controllo della gestione finanziaria di Equitalia – Determinazione n. 111/2013 del 13 dicembre 2013) il trend è in flessione a causa della crisi economica generalizzata ma anche dei numerosi interventi normativi con i quali, dal 2011 a oggi, il Legislatore ha introdotto misure di più ampio respiro per i debitori, incidendo profondamente sugli strumenti attribuiti a Equitalia e sui relativi volumi di riscossione. In questo contesto un ruolo importante hanno avuto le dilazioni di pagamento: sono 398 mila le rateizzazioni concesse da Equitalia lo scorso anno per un valore che supera i 2,9 miliardi di euro. Complessivamente le rateizzazioni attive sono 2,2 milioni per un ammontare di 24,7 miliardi di euro e rappresentano più del 50% del valore del riscosso.
Nell’anno appena passato è proseguita la riduzione dei costi di produzione, amministrativi e del personale. Una riduzione – fa sapere l’ente di riscossione – che nel triennio 2010-2012 ammonta a 107 milioni di euro, ed è proseguita nel 2013 con ulteriori risparmi sui costi che saranno formalizzati nel prossimo bilancio. Considerando i dati di bilancio delle precedenti società concessionarie private, e tenuto conto anche dell’aumento dei volumi di riscossione, dal 2006 a oggi si è determinata una diminuzione del 60% del costo per euro riscosso. Occorre inoltre ricordare che il Gruppo Equitalia recepisce pienamente le disposizioni in materia di spending review. A fronte della riduzione dei costi Equitalia è riuscita comunque a incrementare la propria attività di assistenza nei confronti dei contribuenti. Nel 2013 sono stati ulteriormente ampliati i canali di pagamento, sia tramite il web, sia attraverso specifici accordi con le ricevitorie Sisal e Lottomatica e le tabaccherie. I nuovi canali si aggiungono agli sportelli postali, a quelli bancari e ovviamente agli sportelli di Equitalia che stanno diventando sempre di più dei punti di consulenza e assistenza per i contribuenti, grazie soprattutto allo “Sportello amico” per i casi più critici presente dal 2012 in ogni provincia. Lo scorso anno, in sei città pilota, è stato creato lo “Sportello amico imprese”, un punto d’ascolto specializzato nelle problematiche del mondo produttivo. Sempre nel 2013, in aggiunta al sito web www.gruppoequitalia.it, è stato istituito un contact center unico attivo tutti i giorni per fornire informazioni ai contribuenti (numero verde 800 178 078 da telefono fisso oppure 02 3679 3679 da telefono cellulare o dall’estero, secondo il piano tariffario).


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)