Nell’articolato intervento per risolvere le problematiche di Monte dei Paschi di Siena è spuntata l’ipotesi del contributo delle casse previdenziali dei professionisti al fondo Atlante2. “Una prospettiva inaccettabile, che addossa sulle tasche dei cittadini e dei professionisti il costo della rimessa in sesto di MPS” commentano Federconsumatori e Adusbef.
“Dopo le risorse della Cassa Depositi e Prestiti ora si mette mano anche sui fondi degli enti previdenziali privati, sottraendo un tranquillo futuro ai professionisti che hanno versato regolarmente i propri contributi. Riteniamo inaccettabile tale ipotesi e ci opponiamo con fermezza al disegno intricato, pasticciato e poco chiaro per rimettere in ordine i conti di Monte dei Paschi”.
“Se l’aiuto dovrà provenire dai cittadini la condizione necessaria e categorica è che la banca venga privatizzata – dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori e Adusbef – Non è pensabile far pagare ai cittadini la ripresa degli istituti, per poi garantire benefici e guadagni ad azionisti privati. Per questo chiediamo chiarimenti immediati e siamo pronti ad intervenire, in ogni sede, per far sì che si ponga fine, una volta per tutte, alla politica dei regali alle banche a spese dei cittadini”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)