Commercio al dettaglio, dal 2012 spariti 100mila attività. Assoutenti: l'e-commerce impatta su piccoli negozi

Commercio al dettaglio, dal 2012 spariti 100mila attività. Assoutenti: l'e-commerce impatta su piccoli negozi (foto Pixabay)

Commercio al dettaglio, dal 2012 sparite 100mila attività. Assoutenti: l’e-commerce impatta su piccoli negozi

Secondo un’analisi di Confcommercio, negli ultimi 10 anni sono sparite quasi centomila attività di commercio al dettaglio e oltre quindicimila imprese di commercio ambulante. Assoutenti: “da desertificazione del commercio danni per i cittadini e aumento del degrado urbano”

Tra il 2012 e il 2022 sono sparite, complessivamente, oltre 99mila attività di commercio al dettaglio e 16mila imprese di commercio ambulante: è quanto emerge da un’analisi dell’Ufficio Studi Confcommercio sulla demografia d’impresa nelle città italiane. Crescono gli alberghi e i ristoranti, ma senza riuscire a compensare le riduzioni del commercio.

In particolare, la riduzione di attività commerciali e la crescita dell’offerta turistica risultano più accentuate nei centri storici rispetto al resto del comune, con il Sud caratterizzato da una maggiore vivacità commerciale rispetto al Centro-Nord.

E cambia anche il tessuto commerciale all’interno dei centri storici, con sempre meno negozi di beni tradizionali (libri e giocattoli -31,5%, mobili e ferramenta -30,5%, abbigliamento -21,8%) e sempre più servizi e tecnologia (farmacie +12,6%, computer e telefonia +10,8%), attività di alloggio (+43,3%) e ristorazione (+4%).

 

commercio al dettaglio
Fonte: Confcommercio

 

Commercio al dettaglio, dal 2015 la spesa sul web aumenta del 190%

Ma quali sono le cause di questo fenomeno? Secondo Assoutenti, alla base della progressiva scomparsa dei negozi vi è l’avvento dell’e-commerce, che ha rivoluzionato le abitudini di acquisto degli italiani.

“I numeri sulla crescita del giro d’affari dell’e-commerce non lasciano spazio ai dubbi – spiega Assoutenti – In soli 7 anni le vendite sul web sono passate nel nostro Paese dai 16,6 miliardi di euro del 2015 ai 48,1 miliardi del 2022: la spesa degli italiani per gli acquisti online è così salita da una media di 643 euro a famiglia del 2015 ai 1.864 euro del 2022, con un aumento che sfiora il +190%”.

“I negozi tradizionali non sono stati in grado di tenere il passo, né di cogliere le opportunità offerte dal web, complice anche normative obsolete e non più attuabili, come quelle sui saldi che limitano fortemente la possibilità degli esercenti di praticare sconti – afferma il presidente Furio Truzzi – La sparizione dei negozi dalle città italiane danneggia sia i commercianti, sia i cittadini che risiedono nei piccoli centri e si vedono privati di servizi fondamentali, e crea una nuova forma di degrado urbano, con la strade sempre più caratterizzate da serrande abbassate che offrono una immagine deprimente del nostro Paese”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)