Canone Rai via dalla bolletta elettrica, Codacons: "Ora abolire l'imposta"

Canone Rai via dalla bolletta elettrica, Codacons: "Ora abolire l'imposta"

“Il Codacons sostiene a pieni voti l’ordine del giorno al decreto Energia volto ad abolire il canone Rai nelle bollette elettriche degli italiani, misura introdotta nel 2016 da Matteo Renzi e che ha visto da subito la netta contrarierà dei consumatori italiani”: così il Codacons, in merito all’approvazione dell’ordine del giorno (non vincolante) al decreto energia presentato da Maria Laura Paxia (Misto), che propone di scorporare il canone dalla bolletta dell’elettricità, a partire dal 2023.

Una decisione che accoglie la richiesta dell’Unione Europea, presentata a novembre 2021, di eliminarlo dagli “oneri impropri” dei costi dell’energia, definiti tali in quanto “non direttamente collegati alla fornitura” (la Repubblica).

Canone Rai, in bolletta dal 2016

Come ha ricordato il Sole 24 Ore, il Canone Rai è stato inserito nella bolletta dell’elettricità dal 2016, per un importo pari a 90 euro, suddiviso in 10 rate mensili, da gennaio a ottobre.

Vi sono però alcune categorie di utenti esonerati dal pagamento del Canone, ricorda ancora il Sole 24 Ore: chi non si possiede un televisore o un apparecchio atto a ricevere il segnale radiotelelvisivo; chi ha compiuto 75 anni e possiede un reddito annuo non superiore a 8.000 euro; gli agenti diplomatici, funzionari o impiegati consolari, funzionari di organizzazioni internazionali oppure militari di cittadinanza non italiana o personale civile non residente in Italia, di cittadinanza non italiana, appartenenti alle forze Nato di stanza in Italia.

“L’inserimento nel canone Rai nelle fatture elettriche ha rappresentato una vera e propria vessazione a danno degli utenti, che si sono ritrovati a pagare bollette più salate a causa della decisione del Governo Renzi – spiega il Codacons – La questione finì anche dinanzi al Tar del Lazio, dove la nostra associazione presentò un ricorso per contestare la misura, in virtù dell’illogicità della riscossione di un tributo legato al possesso del televisore attraverso le bollette elettriche”.

Si apre finalmente uno spiraglio per una marcia indietro sulla questione, ma riteniamo che i tempi siano oramai maturi per procedere ad una abolizione totale del canone Rai, considerato il nuovo scenario del mercato televisivo italiano e la possibilità per la Rai di concorrere ad armi pari con le altre reti attraverso la raccolta pubblicitaria”, conclude il Codacons.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Parliamone ;-)