Il packaging è riciclabile? Aumentano i prodotti che lo indicano in etichetta

Il packaging è riciclabile? Aumentano i prodotti che lo indicano in etichetta

“È una confezione riciclabile?”, questa la domanda che tanti consumatori si pongono quando si trovano a dover buttare la confezione di un prodotto alimentare o di un detersivo. La risposta arriva dagli oltre 36 mila prodotti di largo consumo che presentano in etichetta le indicazioni sul livello di riciclabilità del packaging.

Il dato emerge nell’ultima edizione dell’Osservatorio Immagino di GS1 Italy, che ha rilevato le informazioni presenti sulle etichette di oltre 120 mila prodotti.

Secondo l’indagine, rispetto a giugno 2020, la quota dei prodotti di largo consumo che danno indicazioni sulla riciclabilità del packaging è aumentata di quasi 3 punti percentuali, arrivando a coinvolgere il 30,1% delle referenze rilevate dall’Osservatorio Immagino.

Packaging, quali prodotti danno indicazioni sulla riciclabilità?

Surgelati e gelati sono le categorie merceologiche dove l’etichetta sul grado di smaltimento delle confezioni è più diffusa (si trova sul 50,3% delle referenze), seguiti da ortofrutta (46,4%). Mentre bevande (17,7%), petcare (16,4%) e prodotti per la cura personale (15,3%) sono quelli a minor tasso di diffusione.

Inoltre, l’83,4% degli oltre 36 mila prodotti rilevati dall’Osservatorio Immagino, che forniscono esplicite indicazioni sul livello di riciclabilità delle loro confezioni, è venduto in packaging totalmente o largamente riciclabili. Con punte sopra al 90% nei reparti ortofrutta, cura casa e bevande.

 

Packaging e riciclabilità (Fonte: Osservatorio Immagino GS1 Italy, ed. 1, 2021)
Packaging e riciclabilità (Fonte: Osservatorio Immagino GS1 Italy, ed. 1, 2021)

 

Per quanto riguarda la classifica dei comparti merceologici in base al numero di confezioni vendute, la pasta si conferma al primo posto davanti a pane e sostitutivi, prodotti da forno e cereali.

A chiudere la classifica sono stati le bevande alcoliche (come vino, birra e champagne/spumanti) e il cura persona (come profumeria e cosmetica).

La composizione delle confezioni

L’Osservatorio Immagino ha analizzato i dati sulla composizione dei packaging utilizzati nel mondo dei prodotti di largo consumo.

Nel 47,0% dei casi si tratta di confezioni monomateriale (-1,5% rispetto alla rilevazione precedente), che per quasi il 90% sono totalmente o largamente riciclabili. Il 51,5% delle referenze è venduto in packaging composti da diversi materiali (+1,5%) e via via che aumenta il numero dei materiali utilizzati diminuisce la quota di quelli riciclabili.

Ortofrutta e petcare sono le aree merceologiche in cui il packaging monomateriale è più diffuso (rispettivamente 74,9% e 71,0% delle referenze), mentre la drogheria alimentare è quella con il maggior utilizzo di confezioni plurimateriali (52,6%).

Scrive per noi

Francesca Marras
Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

1 thought on “Il packaging è riciclabile? Aumentano i prodotti che lo indicano in etichetta

Parliamone ;-)