Biblioteca UNESCO

L'UNESCO dà libero accesso alla sua Biblioteca Mondiale digitale

Migliaia di documenti da tutto il mondo, tra filmati, mappe, libri, manoscritti rari, fotografie, l’UNESCO supporta con la cultura i cittadini impossibilitati a uscire in questo momento e regala libero accesso all’immenso patrimonio raccolto nella sua Biblioteca Mondiale digitale.

L’archivio, esistente dal 2009, viene costantemente arricchito con nuovi materiali, sia prodotti dall’UNESCO sia acquisiti attraverso donazioni e condivisioni da altre istituzioni. Un importante strumento di conoscenza, creato con l’intento di favorire lo scambio intellettuale tra i Paesi. Ed anche un grande tesoro culturale offerto all’umanità, in questo difficile momento.

Esplorare la Biblioteca Mondiale digitale dell’UNESCO

Un’occasione unica per soddisfare interessi e curiosità e scoprire Paesi e culture lontani da noi. Sul sito 19.147 articoli su 193 Paesi del mondo, tra l’8000 a.C. e il 2000, che si possono esplorare per categoria – libri, giornali, manoscritti, mappe, quotidiani, filmati, fotografie, archivi sonori – per Paese di provenienza o scegliendo un preciso periodo storico.

Solidarietà digitale, alcune iniziative

E sono tantissime le iniziative di solidarietà digitale e condivisione della cultura promosse in questi giorni da enti, organizzazioni, associazioni, che hanno hanno deciso di rendere accessibile ai cittadini il proprio patrimonio. Ma anche di musicisti, che sui canali social organizzano concerti live in diretta da casa, e da teatri e compagnie e che mettono a disposizione su Facebook i video dei loro spettacoli.

Arte, Danza, Musica e Teatro

La Biennale di Venezia ha aderito alla campagna #iorestoacasa attraverso un nuovo progetto sviluppato per il sito web e i social, mettendo a disposizione gli affascinanti materiali dell’Archivio Storico. In particolare vengono promossi video esclusivi e immagini uniche, i momenti più importanti della storia della Biennale di Venezia: gli spettacoli e le “pillole” dal vivo di Danza, Musica e Teatro, la Mostra del Cinema, le Biennali Arte documentate artista per artista e opera per opera, i protagonisti e le anticipazioni della prossima Biennale Architettura 2020.

Inoltre, attraverso il progetto di Attività Virtuali Educational, rivolto a studenti, scuole, università e famiglie, La Biennale di Venezia diffonde una proposta virtuale di nuovi contenuti, ideati in occasione dell’attuale chiusura delle scuole e delle università.

Le Istituzioni di Roma Capitale lanciano #laCulturainCasa, con un ricco programma. Tra le attività, l’Auditorium Parco della Musica – Roma  con #Auditoriumlives lancia ogni giorno playlist musicali a tema, podcast con lezioni di storia, jazz, rock, filosofia, matematica, e video sui grandi protagonisti della scena musicale.

Materiali d’archivio audio-visivi saranno presentati sulle pagine social e web del Romaeuropa Festival per ripercorrere, in occasione della sua vicina XXXV edizione, il meglio della creazione contemporanea portata in scena a Roma a partire dal 1986, anno della sua fondazione.

La Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali offre lo straordinario patrimonio artistico e storico custodito dai suoi 18 Musei in Comune Roma con un ricco programma di tour virtuali nelle principali strutture, grazie alla partnership con Google Art Project.

Per gli appassionati di cinema

Tante le iniziative del settore cinematografico, tra cui quella della Fondazione Cineteca Italiana – Cineteca Milano, che mette a disposizione grandi opere della storia del cinema, con più di seicento titoli grazie al servizio in streaming del progetto “Videoteca di Morando“.

All’interno del progetto DI/STANZA il cinema Postmodernissimo e il cinema Metropolis hanno reso disponibili gratuitamente per questi giorni di quarantena alcuni film, documentari e cortometraggi che negli anni sono stati prodotti e distribuiti, proiettati nei festival e in sala.

Scrive per noi

Francesca Marras
Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)