Dal 13 al 15 marzo prenderà inizio, ad Andria, la XVIII edizione del Premio Biol, l’evento internazionale che mette a confronto i migliori extravergine del mondo, patrocinato da Ifoam e Ministero delle Politiche Agricole,  in collaborazione con enti locali, Regione Puglia, Città di Andria, Camera di Commercio di Bari, Associazione BiolItalia, Consorzio Puglia Natura, GAL – Le Città di Castel del Monte.
L’evento è nato ad Andria, in Puglia, uno dei centri dove la coltivazione dell’ulivo raggiunge alti livelli di produzione e qualità e, da diciassette anni, rappresenta un importante punto di riferimento mondiale per tutto il settore dell’olio di oliva. L’ iniziativa è stata del C.I.BI. e dello staff tecnico del Programma Olio & Qualità, ed il concorso è riservato esclusivamente agli oli di oliva extravergini biologici.
Gli oli in gara saranno oltre 300 provenienti da 15 paesi del mondo: Arabia Saudita, Argentina, Cile, Germania, Grecia, Israele, Libano, Portogallo, Slovenia, Spagna, Tunisia, Turchia, Marocco e Francia e Italia che porterà in gara molti nuovi oli.
Come da tradizione, anche quest’anno il concorso sarà accompagnato da diversi eventi, dal convegno su “Olio di oliva biologico tra produzione e mercato”, alla Mostra degli Oli Biol 2013, dall’esposizione a Castel del Monte di opere in ceramica sulla conservazione dell’olio in antichità, all’evento BiolKids, un progetto rivolto ai bambini delle scuole elementari pugliesi e della città tedesca di Maisach, nell’ambito di uno scambio culturale, per educare i futuri consumatori a riconoscere la qualità dell’olio, l’agricoltura bio e la corretta alimentazione.
I premi assegnati saranno diversi, il “Premio Biol” al migliore olio extravergine biologico imbottigliato all’origine e pronto per la commercializzazione, il “BiolPack”, al prodotto meglio  confezionato, con il migliore design e l’etichettatura più chiara, il “Biolblended” al miglior prodotto imbottigliato e commercializzato con marchi non del produttore, ma che abbia comunque origine e qualità certa. A giudicare sarà una giuria composta da esperti provenienti da tutto il mondo.
di Alessia Demarco


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)