Agroalimentare, FAO: nel 2023 19 milioni di persone in più potrebbero soffrire di denutrizione

Agroalimentare, FAO: nel 2023 19 milioni di persone in più potrebbero soffrire di denutrizione (Fonte immagine: Pixabay)

Saranno tante le sfide che il settore agroalimentare globale dovrà affrontare nel prossimo decennio, secondo quanto emerge da un rapporto sulla produzione agricola diffuso oggi dalla FAO dall’OCSE (OECD-FAO Agricultural Outlook 2022-2031): dalla necessità di garantire il cibo a una popolazione in continuo aumento, agli impatti della crisi climatica; e poi, ancora, le conseguenze economiche e le interruzioni dell’approvvigionamento alimentare legate alla guerra in Ucraina.

L’aumento dei prezzi di cibo, fertilizzanti, mangimi e carburante, così come l’inasprimento delle condizioni finanziarie, stanno diffondendo sofferenze umane in tutto il mondo – ha affermato il Direttore Generale della FAO QU Dongyu.  – Si stima che circa 19 milioni di persone in più, a livello globale, potrebbero soffrire di denutrizione cronica nel 2023, se la riduzione della produzione alimentare globale e dell’offerta alimentare dai principali paesi esportatori, tra cui Russia e Ucraina, si tradurrà in una minore disponibilità di cibo che colpisce in tutto il mondo”.

Prospettive su produzione agricola e consumo globale

Secondo il Rapporto FAO-OCSE, si prevede che il consumo alimentare globale, principale utilizzo delle materie prime agricole, aumenterà dell’1,4% annuo nel prossimo decennio e sarà trainato principalmente dalla crescita della popolazione.

In particolare – spiega il report – la maggior parte della domanda aggiuntiva di cibo continuerà a provenire dai Paesi a basso e medio reddito, mentre nei Paesi ad alto reddito la domanda sarà limitata dalla lenta crescita della popolazione e dalla saturazione del consumo pro capite di diversi gruppi di prodotti alimentari. Le diete nei Paesi a basso reddito, tuttavia, rimarranno probabilmente in gran parte basate sui prodotti di base – secondo FAO e OCSE – e il consumo di cibo non aumenterà a sufficienza per raggiungere l’obiettivo Fame Zero entro il 2030.

Nel prossimo decennio, inoltre, si prevede che la produzione agricola globale aumenterà dell’1,1% all’anno, con la produzione aggiuntiva che verrà prodotta principalmente nei Paesi a reddito medio e basso. Le prospettive presuppongono un più ampio accesso agli input e mostrano che maggiori investimenti volti a migliorare la produttività in tecnologia, infrastrutture e formazione saranno fattori determinanti della crescita agricola.

 

agroalimentare

 

Tuttavia – prosegue il Report – un aumento prolungato dei prezzi dei fattori di produzione dell’energia e dell’agricoltura, come i fertilizzanti, potrebbero limitare la produttività e la crescita della produzione nei prossimi anni.

Le prospettive evidenziano anche il contributo significativo dell’agricoltura al cambiamento climatico. Si prevede che le emissioni dirette di gas serra (GHG) dall’agricoltura aumenteranno del 6% nel prossimo decennio, con il bestiame che rappresenterà il 90% di questo aumento. “Saranno necessari maggiori sforzi affinché il settore agricolo contribuisca efficacemente alla riduzione globale delle emissioni di gas a effetto serra – affermano FAO e OCSE nel Rapporto – come stabilito nell’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, compresa l’adozione su larga scala di processi e tecnologie di produzione “climaticamente intelligenti“, in particolare nel settore zootecnico”.

Prezzi in rialzo e le conseguenze della guerra

Quali sono le cause dell’aumento dei prezzi? Secondo quanto emerso dal Rapporto FAO-OCSE, i prezzi dei prodotti agricoli sono stati spinti al rialzo da una serie di fattori, tra cui la ripresa della domanda in seguito allo scoppio della pandemia di COVID-19 e le conseguenti interruzioni dell’offerta e degli scambi, il maltempo e l’aumento dei costi di produzione e trasporto.

Il rapporto fornisce anche una valutazione a breve termine di come la guerra possa influenzare sia i mercati agricoli globali che la sicurezza alimentare. Sottolinea, in particolare, i principali rischi per i principali mercati delle materie prime: “i prezzi di equilibrio del grano – spiegano FAO e OCSE – potrebbero essere del 19% al di sopra dei livelli prebellici se l’Ucraina perdesse completamente la sua capacità di esportare e del 34% se, in aggiunta, le esportazioni russe raggiungessero il 50% degli importi normali”.

“Uno scenario che – proseguono – simula una grave carenza di esportazioni dall’Ucraina e dalla Russia nel 2022/23 e nel 2023/24, e presumendo che non vi sia alcuna risposta alla produzione globale, suggerisce un ulteriore aumento del numero di persone cronicamente denutrite nel mondo a seguito della pandemia di COVID-19″.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)