montagna

Ghiacciai in ritiro e aumento delle frane sulle Alpi

I ghiacciai si stanno ritirando. Su tutto l’arco delle Alpi la fusione dei ghiacciai accelera e c’è un generale arretramento del ghiaccio. Aumentano le frane ad alta quota, le colate di detriti, l’instabilità dei ghiacciai. Il report Carovana dei ghiacciai, lanciato da Legambiente e dal Comitato Glaciologico Italiano, evidenziano la crisi dei ghiacciai e delle montagne lungo tutto l’arco alpino.

La crisi del clima, la fusione dei ghiacciai, le frane ad alta quota stanno cambiando il profilo delle Alpi. Fra il 10 e il 15% del volume dei ghiacciai si è perso nei primi cinque anni dei Duemila, mentre prima c’erano voluti decenni per causare perdita di volume e arretramento.

Alpi fragili e vulnerabili

Le Alpi, denunciano Legambiente e Comitato Glaciologico, sono sempre più fragili, vulnerabili e instabili a causa della crisi climatica e del riscaldamento globale.

«Due gli indicatori che testimoniano quanto ormai sta accadendo ad alta quota: l’aumento ad un ritmo sempre più accelerato della fusione dei ghiacciai che stanno perdendo superficie e spessore, frammentandosi e disgregandosi in corpi glaciali più piccoli. E l’aumento di frane, valanghe di roccia e di ghiaccio e colate detritiche da aree deglaciate dovuto principalmente dalla riduzione dell’estensione e della durata del manto nevoso, dalla riduzione dell’area e dello spessore dei ghiacciai e nella degradazione del permafrost».

La salute delle montagne italiane è dunque precaria.

Tra il 1850 e il 1975, spiega Legambiente, i ghiacciai delle Alpi europee hanno perso circa la metà del loro volume. Il 25% della restante quantità si è perso tra il 1975 e il 2000. Il 10-15% si è perso invece nei primi 5 anni del nostro secolo.

 

montagna ghiacciai

 

Ghiacciai in ritiro e frane in aumento

C’è un forte regresso dei settori frontali dei ghiacciai in tutte le Alpi italiane ma anche sul Gran Sasso in Abruzzo.

Sulle Alpi orientali il massimo ritiro frontale (83,5 m) si è registrato nel Ghiacciaio di Saldura Meridionale, su quelle centrali si segnala il Ghiacciaio dei Forni la cui fronte è arretrata di oltre 48 metri.

Aumentano inoltre le frane e tutti gli eventi di instabilità.

Secondo il catasto on line del gruppo di ricerca GeoClimAlp del CNR-IRPI, fra il 2000 e il 2020 nelle Alpi Italiane ad una quota >1500 m s.l.m. si sono registrati 508 processi di instabilità naturale: sono frane, colate detritiche ed eventi di instabilità glaciale.

C’è una concentrazione di eventi di questo tipo in Valle d’Aosta (42%), Piemonte (18%), Lombardia (16%) e Trentino (15%).

Nel 2019 c’è stato un importante crollo in roccia nella parete nordest del Monviso. L’area delle Dolomiti è anch’essa soggetta a instabilità e frane.

Legambiente: servono piani di adattamento al clima

Alla vigilia della Giornata Internazionale della montagna, Legambiente ribadisce dunque che servono piano di gestione e di adattamento al clima. Bisogna inoltre approfondire la ricerca sulle variazioni dei ghiacciai e sulle conseguenze anche economiche della crisi climatica.

«Le Alpi, e più in generale gli habitat di montagna, – dichiara Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente – subiscono molto prima e maggiormente rispetto ad altri luoghi, gli effetti della crisi climatica, diventando un ambiente sempre più esposto alle sue conseguenze e più fragile. Per questo è fondamentale che si definiscano al più presto adeguate strategie e piani di adattamento al clima su scala regionale e locale, perché non si può perdere più altro tempo».


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Sabrina Bergamini
Sabrina Bergamini
Giornalista professionista. Responsabile di redazione. Romana. Sono arrivata a Help Consumatori nel 2006 e da allora mi occupo soprattutto di consumi e consumatori, temi sociali e ambientali, minori, salute e privacy. Mi appassionano soprattutto i diritti e i diritti umani, il sociale e tutti quei temi che spesso finiscono a fondo pagina. Alla ricerca di una strada personale nel magico mondo del giornalismo ho collaborato come freelance con Reset DOC, La Nuova Ecologia, Il Riformista, IMGPress. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati. Le cause perse sono il mio forte. Ho un libro nel cassetto che prima o poi finirò di scrivere. Hobby: narrativa contemporanea, fotografia, passeggiate al mare. Cucino poco ma buono.

Parliamone ;-)