Giornata Mondiale dell'Ambiente, le iniziative di Legambiente

Giornata Mondiale dell'Ambiente, le iniziative di Legambiente

Chiediamo che le Commissioni parlamentari riprendano i lavori, anche ricorrendo ad attività in remoto, come stanno facendo tante aziende e istituzioni del Paese, incluse quelle dell’Istruzione e dell’Università, che in questo modo permettono a tutti noi di avere beni e servizi di prima necessità”, mettendo al primo posto la salute ambientale e umana.

Questo l’appello che le associazioni ambientaliste Marevivo, Accademia Kronos, CETRI-TIRES, CoMISMA, Fondazione Symbola, Fondazione Univerde, Greenpeace, Italia Nostra, Kyoto Club, LAV, Legambiente, Lipu-Birdlife Italia, Stazione Zoologica Anton Dohrn Napoli, Università UniCamillus,  WWF Italia, e Fise Unicircular (Associazione delle Imprese dell’economia circolare) hanno rivolto ai Presidenti delle Commissioni permanenti della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica.

Salute ambientale e umana, realizzare la sostenibilità

Le condizioni ambientali attuali necessitano di attenzione, responsabilità da parte dei cittadini e dei decisori politici, chiamati a prendere con urgenza misure in grado di invertire la rotta. Patogeni prima sconosciuti possono diffondersi, anche a causa dell’alterazione degli ecosistemi e della sottrazione di habitat naturali alle specie selvatiche. Le associazioni, inoltre, sottolineano come la pandemia colpisca in modo particolare le aree sovrappopolate ed inquinate, ed esempio le Regioni del Nord Italia produttivo, la Cina, l’India e ora New York, tutte caratterizzate da alti tassi di inquinamento. 

 

Salute umana e ambientale, l'appello delle Associazioni ambientaliste
Salute umana e ambientale, l’appello delle Associazioni ambientaliste

“È provato che l’inquinamento atmosferico sia un fattore di rischio nelle malattie respiratorie ed è difficile pensare che sia solo un caso quando il maggior numero di morti di questa pandemia è in zone dove anche in periodi ordinari tutto si deve fermare, periodicamente, per l’inquinamento atmosferico”, spiegano.

“Il Paese deve ripartire nel modo giusto, realizzando la sostenibilità enunciata nei programmi dei Governi nazionale ed Europeo (il Green Deal) per la prosperità delle aziende e del Paese, mettendo al primo posto la salute ambientale e umana, come prerequisito per un sano sviluppo economico – scrivono le associazioni – Il sistema delle aziende “green” italiane, leader a livello europeo è pronto a dare il proprio contributo a queste auspicabili scelte politiche”.

Le Associazioni ambientaliste chiedono, quindi, che siano approvate leggi sui Cambiamenti Climatici, sull’Economia circolare e sulla difesa della biodiversità negli habitat terrestri e marini.

Scrive per noi

Francesca Marras
Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)