Il giudice di pace di Pescara ha condannato una compagnia aerea a risarcire i danni arrecati ad un passeggero riconoscendo, nella ritardata consegna del bagaglio avvenuta solo quattro giorni dopo il suo rientro in Italia, i presupposti del "danno da vacanza rovinata". Il Giudice ha riconosciuto la legittimità della richiesta del legale della Federconsumatori, al quale si era rivolto l’utente per vedersi riconosciuto il danno, che si fondava non solo sui danni patrimoniali bensì soprattutto sul cosiddetto "danno da vacanza rovinata", che si sostanzia – secondo una consolidata giurisprudenza – "nel disagio e nell’afflizione subiti dal turista-viaggiatore per non aver potuto godere pienamente della vacanza come occasione di svago e di riposo".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)