Amazon, oggi lo sciopero nazionale. Filt Cgil: adesione al 70-75%

Amazon, oggi lo sciopero nazionale. Filt Cgil: adesione al 70-75%

È il primo sciopero della filiera Amazon d’Italia quello indetto per lunedì 22 marzo. Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltras hanno proclamato unitamente uno sciopero generale di 24 ore dei dipendenti diretti dei magazzini, cui è applicato il contratto nazionale della Logistica, e di tutti i lavoratori e le lavoratrici delle aziende di fornitura in appalto di servizi di logistica, movimentazione e distribuzione delle merci della filiera Amazon in Italia.

Amazon, le motivazioni dello sciopero

La trattativa tra Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Assoespressi, sulla piattaforma per la contrattazione di secondo livello della filiera Amazon – si legge in una nota Ansa – “si è interrotta bruscamente a causa dell’indisponibilità dell’associazione datoriale ad affrontare positivamente le tematiche poste dal sindacato. È quanto comunicato dai sindacati ai lavoratori.

Diverse le rivendicazioni sindacali alla base dello sciopero: la verifica dei carichi e dei ritmi di lavoro imposti, la verifica e la contrattazione dei turni di lavoro, la riduzione dell’orario di lavoro dei driver, la clausola sociale e la continuità occupazionale per tutti in caso di cambio appalto o cambio fornitore, la stabilizzazione dei tempi determinati e dei lavoratori interinali ed il rispetto delle normative su salute e sicurezza.

“È il primo sciopero della filiera Amazon d’Italia e sicuramente d’Europa – evidenzia in una nota il segretario nazionale della Filt Cgil, Michele De Rose – un’iniziativa che non ha riscontro nemmeno negli Stati Uniti. La multinazionale americana deve prendere atto, suo malgrado, che il sindacato fa parte della storia del nostro Paese e con le rappresentanze dei lavoratori deve confrontarsi, nel rispetto di un sistema corretto di relazioni sindacali e delle tutele e regole previste dal Ccnl Logistica, Trasporto Merci e Spedizione”.

 

Sciopero lavoratori amazon

 

La campagna di Amnesty International a sostegno dei lavoratori

I diritti dei lavoratori di Amazon sono stati anche al centro di diversi interventi di Amnesty International.

“L’azienda prende di mira e intimidisce i lavoratori che chiedono condizioni di lavoro migliori e più sicure. È il momento di supportare le lavoratrici e i lavoratori di Amazon”.

Questo l’appello che l’Organizzazione ha lanciato con la sua ultima campagna, che segnalava l’aumento delle accuse secondo cui Amazon avrebbe minato i tentativi di sindacalizzazione in diversi Paesi.

“Le accuse – si legge sulla pagina dedicata alla campagna – includono la società che monitora e analizza i gruppi privati ​​di Facebook dei lavoratori e delle lavoratrici, un’affermazione che la multinazionale non ha negato. Ci sono prove che Amazon abbia speso centinaia di migliaia di dollari per un nuovo sistema tecnologico per spiare i lavoratori. Alcuni di quelli che hanno espresso preoccupazione per le cattive condizioni di lavoro durante il Covid-19 hanno subito azioni disciplinari o sono stati licenziati”.

E proprio in occasione del Black Friday 2020, Amnesty aveva pubblicato  il rapportoAmazon lasci i lavoratori organizzarsi in sindacato, che raccontava le condizioni dei lavoratori del gigante online in Francia, Polonia, Regno Unito e Stati Uniti d’America.

Amnesty denunciava, in particolare, l’azione di Amazon volta a contrastare i tentativi dei lavoratori di organizzarsi in sindacato e avviare trattative collettive, attraverso la sorveglianza negli Usa e la minaccia di azioni legali nel Regno Unito. Segnalava, inoltre, la mancata assunzione da parte dell’azienda di provvedimenti-chiave per assicurare la salute e la sicurezza dei lavoratori in Francia e Polonia.

Scrive per noi

Francesca Marras
Francesca Marras
Mi sono laureata in Scienze Internazionali con una tesi sulle politiche del lavoro e la questione sindacale in Cina, a conclusione di un percorso di studi che ho scelto spinta dal mio forte interesse per i diritti umani e per le tematiche sociali. Mi sono avvicinata al mondo consumerista e della tutela del cittadino nel 2015 grazie al Servizio Civile. Ho avuto così modo di occuparmi di argomenti diversi, dall'ambiente alla cybersecurity e tutto ciò che riguarda i diritti del consumatore. Coltivo da anni la passione per i media e il giornalismo e mi piace tenermi sempre aggiornata sui nuovi mezzi di comunicazione. Una parte della mia vita, professionale e non, è dedicata al teatro e al cinema.

Parliamone ;-)