Riqualificazione edilizia, Legambiente: Italia in ritardo. Edifici troppo energivori e climalteranti

Riqualificazione edilizia, Legambiente: Italia in ritardo. Edifici troppo energivori e climalteranti (foto Pixabay)

Riqualificazione edilizia, Legambiente: Italia in ritardo. Edifici troppo energivori e climalteranti

Legambiente presenta il Rapporto Civico 5.0: Vivere in classe A, con la sua road-map per accelerare la transizione energetica del settore edilizio, aiutare ambiente e famiglie e far in modo che l’Italia arrivi preparata in vista della Direttiva Case Green

L’Italia è in forte ritardo sul fronte della riqualificazione edilizia: questo il parere di Legambiente, che – nel suo ultimo Rapporto “Civico 5.0: Vivere in Classe A” – indica quella che per lei è la road map da mettere in campo per far decollare la transizione energetica del settore edilizio residenziale, aiutare ambiente e famiglie, far in modo che l’Italia arrivi preparata in vista dei prossimi obiettivi europei, centrando anche quelli di decarbonizzazione al 2030.

Ad oggi, secondo le ultime stime disponibili (Fonte Cgia di Mestre), su oltre 12 milioni di patrimonio abitativo ne è stato riqualificato, attraverso il superbonus, solo il 3,1%. “Una percentuale bassissima – secondo Legambiente – che da qui ai prossimi anni dovrà crescere anche in vista degli impegni che l’Europa potrebbe chiedere con la Direttiva Case Green e che per l’Italia significherebbe intervenire in una prima fase, al 2030, su almeno 6,1 milioni di edifici residenziali. Ovvero perlomeno su 871mila edifici l’anno. Parliamo del 7,2% del patrimonio residenziale. Più del doppio di quanto ha saputo fare il superbonus”.

Riqualificazione edilizia, una road map verso la transizione energetica

In sintesi – spiega Legambiente – “quello che serve al Paese è una vera e propria riforma in tema di politiche sull’efficienza energetica del settore edilizio stabile e duratura nel tempo – almeno al 2030 e con prospettive al 2035 – che preveda: un nuovo sistema incentivante unico, che guardi ai singoli interventi, ma soprattutto alla riqualificazione complessiva degli edifici spingendo soprattutto interventi in classi energetiche elevate; raggiungimento classe D come minima per aver accesso agli incentivi; un nuovo sistema incentivante che guardi alla prestazione energetica ottenuta dall’intervento, al reddito delle famiglie, alla messa in sicurezza sismica, ma anche all’abbattimento delle barriere architettoniche, al recupero delle acque piovane a all’utilizzo di materiali innovativi e sostenibili; l’eliminazione di ogni tecnologia a fonti fossili dal sistema incentivante e introduzione del blocco alle installazioni dal 2025; il ripristino della cessione del credito (che potrebbe essere riservata solo agli interventi di efficientamento energetico e a quelli relativi alla messa in sicurezza sismica) e degli strumenti alternativi”.

In questo modo, secondo l’associazione, “si potranno da una parte evitare le speculazioni che hanno caratterizzato il mercato dell’edilizia nel biennio 2020/2022, e dall’altra parte si potrà accelerare la riqualificazione del patrimonio edilizio. Il settore edile è, infatti, uno dei settori più energivori e climalteranti del Paese, responsabile della maggiore spesa energetica incidendo sul bilancio economico delle famiglie e imprese. Per questo è importante accelerare il processo di decarbonizzazione di questo settore e spingere sempre di più per una riqualificazione edilizia”.

 

Riqualificazione edilizia
Riqualificazione edilizia (foto Pixabay)

 

Inoltre, per Legambiente, una riforma di efficienza energetica del settore edilizio come quella tracciata in questa road map permetterebbe di avere un valido strumento per rispondere a quanto ci potrà chiedere l’Europa da qui ai prossimi anni con la Direttiva Case Green, ossia almeno il passaggio in Classe E al 2030 per tutti gli edifici, ad esclusione di quelli tutelati e protetti e in Classe D al 2033, ma anche con la proposta di innalzare il livello di efficienza minima degli apparecchi dedicati alla produzione termica del 115%.

“Oggi vivere in classe A – spiega Katiuscia Eroe, responsabile nazionale energia di Legambiente – oltre ad essere un diritto per universale, è un’operazione tecnicamente fattibile per tutti, o quasi tutti, i nostri edifici residenziali. Per questo è importante continuare a riqualificare quel patrimonio edilizio che non ha avuto modo di usufruire del superbonus. Da qui ai prossimi anni sarà importante consentire soprattutto alle famiglie in difficoltà un accesso garantito a questi strumenti a costo zero, differenziando percentuali e mantenendo la cessione del credito e lo sconto in fattura per chi non ha capacità di anticipo ed eliminando dai sistemi incentivanti tutte le tecnologie a fonti fossili, come le caldaie a gas, oltre a spingere, nelle nuove costruzioni e nelle ristrutturazioni l’utilizzo di materiali innovativi e sostenibili”.

Gli errori da evitare

Legambiente spiega anche quali sono, a suo parere, gli errori da evitare: “non sono ammessi più ritardi, né errori come quelli fatti sino ad oggi sul superbonus (dalla riduzione dell’aliquota al 90%, senza nessun correttivo, e all’eliminazione della cessione del credito e dello sconto in fattura, al fatto che il bonus venisse dato a chiunque a prescindere dal reddito)”.

In particolare, l’associazione ambientalista sottolinea che “se per alcuni il provvedimento di eliminare lo strumento della cessione risulta comprensibile alla luce delle frodi avvenute o del costo complessivamente sostenuto dallo Stato, occorre ricordare che stando ai dati della Guardia di finanza e del Mef, gli illeciti sul 110% sono solo il 3% delle truffe totali che, in larga maggioranza, hanno riguardato ad esempio il bonus facciate del 90% o l’ecobonus del 65%”.

Infine, per Legambiente non bisogna più sprecare importanti occasioni. “Il 2022, grazie proprio agli esoneri in bolletta, poteva e doveva essere l’anno per rivedere e riformare gli oneri di sistema, eliminando e rimodulando tutte le voci improprie ma così non è stato – spiega. – Anzi, il loro reintegro, a partire da aprile 2023, in assenza di qualsiasi revisione, si tradurrà secondo quanto stimato da sostatariffe.it in un aumento dei costi di almeno 950 euro l’anno”.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)