Telefonia, Movimento Consumatori diffida TIM: illegittimi gli aumenti delle tariffe

Le modifiche dei prezzi annunciate da TIM sono “illegittime”, secondo il Movimento Consumatori, che ha diffidato l’azienda. Tali aumenti, secondo l’associazione, “ledono il diritto degli utenti alla trasparenza nei rapporti contrattuali“. Nei mesi scorsi TIM ha comunicato ai propri clienti che a partire da oggi, 13 aprile 2023, i prezzi mensili di alcune offerte di rete mobile aumenteranno di 2 euro; mentre, dal 1° maggio 2023 l’incremento, tra i 2 e i 5 euro al mese, riguarderà alcune offerte di rete fissa.

Inoltre, dal 1° aprile 2024 e per gli anni a venire, i costi mensili di tutte le offerte TIM potrebbero subire un rincaro fino al 10%, come comunicato dall’azienda all’inizio di quest’anno, in merito alle offerte Internet Senza Limiti Premium, Tutto Senza Limiti Premium, TUTTO Premium e Smart Premium (ne abbiamo parlato qui), e in merito ad alcune offerte di rete fissa. Una decisione, questa, dovuta ai “cambiamenti dello scenario macroeconomico recentemente intervenuti, con particolare riferimento ai costi energetici e delle materie prime”.

E sui contratti di telefonia aggiornati all’inflazione è intervenuta, nei giorni scorsi, anche l’Agcom, con una serie di proposte legate proprio all’adeguamento del canone e alle esigenza di trasparenza e informazione per i consumatori.

Aumenti tariffe TIM, MC pronta ad assistere gli utenti

Movimento Consumatori spiega, quindi, che “Secondo quanto affermato in passato anche dal Consiglio di Stato, l’operatore può unilateralmente modificare le condizioni generali di contratto solo per un giustificato motivo, ad esempio per gestire situazioni che alterano in maniera rilevante l’equilibrio anche economico del contratto. In questo caso invece gli aumenti sono stati spiegati da TIM con un generico richiamo a non meglio precisate “mutate condizioni di mercato””.

“Assolutamente poco trasparente – prosegue – è l’operazione di ipotetico adeguamento all’inflazione dei prezzi mensili di tutte le offerte. Il meccanismo di incremento dei prezzi mensili ideato dall’operatore è costruito su due componenti: la variazione annua dell’indice dei Prezzi al Consumo Armonizzato per i paesi Ue (IPCA) e il coefficiente di maggiorazione di tale indice, già fissato in +3,5 punti percentuali all’anno in modo tale che, se anche l’IPCA dovesse essere pari a zero o negativa, il costo mensile dell’abbonamento mobile o fisso di TIM subirebbe comunque l’aumento del 3,5% su base annua. Questo meccanismo si pone in contrasto anche con la proposta di revisione del regolamento in materia di contratti di telefonia, che in questo giorni l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha sottoposto alla pubblica consultazione anche delle associazioni di consumatori, poiché nel caso di TIM l’adeguamento dei prezzi dei servizi non dipende unicamente da un indice oggettivo (IPCA), ma da una quantificazione arbitrariamente predeterminata, anche di difficile comprensione”.

 “MC ha diffidato TIM affinché cessi di applicare alle proprie offerte queste modifiche contrattuali – spiegano Paolo Fiorio e Corrado Pinna del Servizio legale nazionale MC – eliminandone gli effetti dannosi anche attraverso la restituzione dei maggiori importi addebitati ai clienti. La nostra associazione si riserva comunque di promuovere ogni azione, anche cautelare, a tutela dei consumatori danneggiati dai comportamenti dell’operatore, anche prima del decorso del termine per l’adempimento della diffida”.

“Abbiamo segnalato queste condotte anche all’Antitrust e all’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni – aggiunge Alessandro Mostaccio, segretario generale MC –  affinché ciascuna, per le proprie competenze, avvii procedimenti volti ad accertare la violazione delle norme anticoncorrenziali e/o a tutela degli utenti dei servizi di telecomunicazione”.

Per informazioni o assistenza gli utenti possono contattare l’associazione al numero unico nazionale 06 948 070 41 o compilando il modulo di contatto dello sportello online.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)